Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Perché il governo tace sul deposito delle scorie nucleari?

un articolo che leggo su Rinnovabili.it e che integro con questo post: Il deposito di scorie nucleari di Statte: siamo alle solite…

radiazioniChe fine ha fatto la carta delle aree potenzialmente idonee alla localizzazione del deposito nazionale delle scorie nucleari?

Se lo è chiesto la commissione parlamentare d’inchiesta sulle ecomafie, i cui membri rilevano «l’effetto negativo che i successivi, ripetuti rinvii possono produrre sull’immagine di trasparenza del procedimento».

Queste parole sono contenute nella relazione sulla gestione dei rifiuti radioattivi in Italia, approvata all’unanimità in commissione e presto al vaglio dei presidenti di Senato e Camera. Poi passerà all’esame del Parlamento.

Il documento registra preoccupazione per una possibile percezione, da parte dell’opinione pubblica, di una scarsa trasparenza nel procedimento, considerata «condizione indispensabile, insieme alla credibilità degli attori, affinché l’opera possa essere realizzata in un clima di sufficiente accettazione».

Il fatto che dal 20 agosto – data in cui il governo avrebbe dovuto dare il nulla osta alla carta delle aree idonee scritta da Sogin e validata da ISPRA – non si sappia più niente al riguardo, non depone a favore dell’esecutivo.

continua la lettura QUI: Perché il governo tace sul deposito delle scorie nucleari?

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: