Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Necessari “solo” 12 anni per obbligare Enel a rispettare gli obblighi di legge?

un articolo che mi è stato segnalato da Poppea

Interessante, tra le altre cose, leggere che: “Ci sono voluti 12 anni per far ottemperare ad ENEL i propri doveri. Un’azione che consegnerà, a breve termine, al territorio di Civitavecchia degli interventi di mitigazione che erano previsti per legge”

tvn_centrale1441378820_thumb_medium180_0

È arrivato oggi il parere definitivo del Ministero per l’Ambiente relativo alla modifica delle prescrizioni VIA della centrale di Torre Nord, già anticipato il 27 ottobre scorso dal via libera della commissione tecnica ministeriale.

Ne dà notizia Palazzo del Pincio, confermando che gli interventi riguarderanno la sistemazione dei parchi cittadini e una serie di interventi di riqualificazione sul verde pubblico e le alberature cittadine.

Presso Poggio Capriolo sarà poi realizzato un nuovo serbatoio dalla capacità di 5000 metri cubi per il potenziamento della attuale riserva idrica, sarà quindi sostituito e incrementato l’attuale parco mezzi del trasporto urbano con 10 autobus alimentati a gas metano da 54 posti e 2 autobus alimentati a gas metano da 109 posti.

Infine, sarà ampliato l’attuale servizio di bike sharing cittadino, attraverso il raddoppio del numero di biciclette elettriche a pedalata assistita, con l’installazione di ulteriori stazioni di prelievo e riconsegna dotate di apposite infrastrutture per la ricarica delle batterie e di copertura con pannelli fotovoltaici.

“Ci sono voluti 12 anni per far ottemperare ad ENEL i propri doveri. Un’azione che consegnerà, a breve termine, al territorio di Civitavecchia degli interventi di mitigazione che erano previsti per legge – afferma il Sindaco Cozzolino – Questo è stato possibile grazie alla schiena dritta della nostra amministrazione e alla ferma volontà di interloquire su questo argomento con l’istituzione preposta, ossia il Ministero dell’Ambiente, e non direttamente con Enel.

La realizzazione di questi interventi non può certo alleviare il peso insostenibile di una scelta sbagliata come quella della riconversione a carbone di TVN, ma garantirà, oltre al rispetto della normativa in materia di Valutazione di Impatto Ambientale, opere utili per la collettività: il nuovo serbatoio a Poggio Capriolo ridurrà enormemente i problemi idrici che da decenni attanagliano l’estate di troppi civitavecchiesi, la sistemazione dei parchi restituirà ai nostri concittadini degli spazi vivibili e al contempo darà dei posti di lavoro “puliti” alle semplici associazioni che parteciperanno ai bandi di gestione, consentendo quindi di partecipare anche a chi non ha fra le proprie disponibilità ingenti risorse economiche, il rinnovo del parco mezzi per il TPL e l’ampliamento del servizio di Bike Sharing consentiranno di abbattere gli agenti inquinanti e di rendere un servizio efficiente all’utenza.

Risultati tangibili di cui godrà la cittadinanza tutta e dei quali non posso che essere fiero. Già nella prossima settimana, convocheremo Enel per definire i tempi per la presentazione dei progetti che, come indicato dal Ministero dell’Ambiente, dovranno essere realizzati entro dodici mesi dal momento in cui il Comune li avrà definitivamente approvati”.

Fonte: Prescrizioni VIA Tvn, arrivato l’ok definitivo del Ministero

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 12 novembre 2015 da in Ambiente & Ecologia, Burocrazia e/o Politica, Leggo & Pubblico con tag , , , , , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: