Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

A San Francisco la parete verde combatte la siccità

La siccità a San Francisco non ha smesso di produrre i suoi effetti devastanti e la città ha proseguito sulla strada dell’eccellenza nell’uso di energie rinnovabili e nella bioarchitettura.

E proprio per rispondere a questa piaga ambientale si muovono diversi progetti, innovativi.

È il caso della parete verde che ha messo radici sulla facciata della SafeHouse, sulla 14° Strada, per volontà del proprietario Zach Heineman, che ha ingaggiato per l’opera gli artisti botanici Amanda Goldberg e Brandon Pruett.

La superficie totale della parete supera i 100 mq e ospita circa 3.200 piante, tutte accomunate dalla caratteristica di elevata resilienza alla siccità.

Ma per quanto resistenti, anche queste piante devono venire innaffiate e si ripropone il problema del consumo di acqua.

Lo studio SF Landscapes, che ha curato la progettazione dell’opera, ha messo a punto a questo scopo un ingegnoso sistema di irrigazione a goccia, che riesce a raccogliere e riciclare le acque meteoriche, che vengono stoccate in una cisterna di circa 5.000 litri di capacità.

lettura integrale qui: A San Francisco la parete verde combatte la siccità

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 3 giugno 2016 da in Ambiente & Ecologia, Bioarchitettura con tag , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: