Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

L’arte di tacere/2 ovvero se la veg giustifica il terremoto ad Amatricia…

Non avevo dubbi, non sara’ certo un terremoto, o case distrutte o centinaia di morti, a fermare gente che usa ogni mezzo pur di avere un minimo di visibilità che di certo non avrebbe con la loro pochezza ed infatti in un articolo di Lettera43 (dove peraltro troverai altri esempi) ho letto che:

terremoto veg

Mi scrive l’amica Sara, vegetariana, ma di quelle intelligenti…

Questo tipo di commenti mi fa rabbia. Se non cominciamo a rispettare gli altri esseri umani, come pretendiamo di rispettare il mondo in cui viviamo e la sua anima pulsante?

Ed Infatti io che ben conosco la sua scelta e l’intelligenza che le permette di dialogare in serenità di alimentazione, ben immagino la rabbia che prova nel leggere simili assurdità…

Continua poi Sara:

Non sai quante volte ho temuto di essere associata a questa gente…

Sono loro che rovinano l’immagine che la società ha di vegetariani e vegani, provocando tanti problemi a tutte le persone come me.

Se vediamo alcune pagine antiveg scadere nel razzismo più bieco e augurarsi la morte di chi ha scelto una strada diversa dalla loro è grazie a gente come questa.

Io conservo di Amatrice un bellissimo ricordo e mi sono sentita malissimo stamattina quando ho appreso che era stata praticamente rasa al suolo. Di certo la prima cosa che mi è venuta in mente non è stato il piatto.

A volte sarebbe meglio stare zitti piuttosto che dar fiato alla bocca a tutti i costi.

La mia scelta di diventare vegetariana è stata una scelta basata sul rispetto per la vita in ogni sua forma.

Come ho già detto altre volte, se io fossi certa che la vita di questi animali viene rispettata, che vivano al meglio e che muoiano con dignità, sacrificandosi perché io viva, allora mangerei carne.

Ecco perché con le verdure cerco il biologico, non è solo una scelta salutista, ma una scelta che implica il rispetto dei tempi della natura e il non uso di tecniche per gonfiare i prodotti e farlo apparire innaturalmente belli.

Dato che l’industria della carne e del pesce è una vera e propria schifezza, me ne dissocio.

Come rispetto gli animali che mangio, allo stesso modo rispetto le persone che per motivi diversi hanno fatto una scelta differente dalla mia.

Non giudico chi mangia carne, come io ho i miei motivi per non farlo, loro hanno i loro.

Un commento su “L’arte di tacere/2 ovvero se la veg giustifica il terremoto ad Amatricia…

  1. IlPrincipeBrutto
    25 agosto 2016

    No dai, una partecipante al Grande Fratello…una vera non-entita’, non merita manco la botta, come si diceva ai miei tempi.
    .
    sicuri si diventa, Ride Safe

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: