Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Lo spreco alimentare si “potrebbe” combattere anche nelle serie TV

spreco alimentareSi parla spesso, giustamente, dello spreco alimentare che è un costo per le nostre tasche, ma lo è anche per l’ambiente ipersfruttato per fornire cibo che poi viene gettato.

Pee quel che mi riguarda in famiglia siamo molto attenti a non gettare il cibo e le volte in un anno che ci è scappata una data di scadenza si può contare sulle dita della mano.

Sono però convinto che si debba sfruttare ogni occasione per dare il buon esempio, piuttosto che il contrario.

Nello specifico mi riferisco a quanto visto nel secondo episodio della serie tv I bastardi di Pizzofalcone.

Ecco che il personaggio interpretato da Tosca d’Aquino litiga con il marito che aveva preparato un piatto di pesce fresco mentre lei aveva comprato degli arancini in rosticceria.

Il marito appoggia il pesce sul ripiano ed esce dalla cucina e la moglie afferra il vassoio con gli arancini e lo getta nella spazzatura.

screenshot-2017-01-23-11-13-35

Non so, qualcuno a casa si comporta realmente così? Lo fa la moglie dello sceneggiatore e/o dello scrittore?

E se anche la risposta fosse positiva, perchè non andare controcorrente e far fare all’attrice il gesto di buttare gli arancini, salvo poi ritrarre il braccio, magari con una battuta, tipo “mica li spreco, me li mangio domani”…

In aggiunta, ecco la scena in cui un personaggio si reca a casa da una ragazza con due pizze in mano, poi cambia idea davanti al citofono e butta le pizze in un bidone.

leggi anche: Se lo spreco alimentare è un’abitudine in vacanza, lo sarà anche a casa…

 

Annunci

4 commenti su “Lo spreco alimentare si “potrebbe” combattere anche nelle serie TV

  1. £@
    24 gennaio 2017

    Ma sai, questo genere di cose “fà il paio” con la cintura dei passeggeri/conducenti della televisione…
    io capisco che spesso l’auto non è nemmeno accesa durante le riprese, ma dato che fingono, perchè non fingere per bene !!

    • paoblog
      24 gennaio 2017

      per le cinture gli concedo una doppia chiave di lettura: 1) ovvero quella che ritengo corretta…non le allacciano perchè neanche “registi, sceneggiatori ed attori” le allacciano nella vita reale oppure 2) vogliono essere realisti, per cui se le allacciassero non renderebbero un’immagine veritiera

      per lo spreco, io continuo a vivere nell’utopia che ognuno di noi possa fare la differenza, in meglio, s’intende… per cui spero sempre che si possano usare tutti i mezzi per dare il buon esempio.

      Uno su tutti, questo post > Multato per aver gettato una buccia di banana dal finestrino…

      • £@
        26 gennaio 2017

        “gli concedi” ???

        perchè sei così permissivo? Io no, non gli “concedo” niente.

        Se fai un lavoro o lo fai per bene, altrimenti di dedichi a tutt’altro, specie per registi, attori e sceneggiatori già ampiamente esperti.

        Io se sbaglio, pago (magari solo con una ramanzina dal mio capo) ma comunque ne rispondo.. loro no? In fondo il “loro capo” sono gli spettatori, no?

        🙂

  2. paoblog
    26 gennaio 2017

    in realtà non sono affatto permissivo…

    la prima ipotesi, quella che ritengo corretta, è una chiara dimostrazione di inciviltà che si traspone poi in ambito lavorativo, che condanno e che la dice lunga.

    la seconda ipotesi sarebbe plausibile, se non fosse che ritengo corretta la prima.
    Se giri a Milano e fai vedere un motociclista senza casco, pensi subito che sono scemi; se giri a Napoli e tutti indossano il casco, pensi che ti prendono in giro, visto che la realtà dei fatti non è quella.

    Vedi ad esempio quando in certe città, note per la criticità della raccolta della spazzatura, non vedi una carta per terra. Irreale quindi un prodotto televisivo che non racconta la realtà dei fatti.

    Ed ecco che lo sceneggiatore “può fare la differenza”, lasciando il racconto della vita vera, che vediamo ogni giorno, ma inserendo comportamenti positivi, evidenziandoli con battute ad hoc.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: