Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Un libro: Il rumore della pioggia

di Gigi Paoli

Giunti – Pagg. 285 – € 15,00 > lo vendo* ad € 7,00 + spese spedizione

Trama: Sono ormai alcuni giorni che Firenze è sferzata da una pioggia battente e, come se non bastasse, la visita del presidente israeliano ha completamente paralizzato la città.

Carlo Alberto Marchi è intrappolato nella sua auto che da casa lo porta al Palazzo di Giustizia, quando apprende una notizia davvero ghiotta per un cronista di giudiziaria a corto di esclusive: all’alba, in un antico palazzo di via Maggio, la prestigiosa strada degli antiquari, viene trovato morto con ventitré coltellate l’anziano commesso del negozio di antichità religiose più rinomato di Firenze.

Un caso molto interessante anche perché il palazzo è di proprietà della Curia e sopra al negozio ha sede l’Economato. Marchi si mette come un mastino alle calcagna dei magistrati nella speranza di tirar fuori uno scoop e chiudere finalmente la bocca al direttore del Nuovo Giornale.

Sempre correndo come un pazzo, intendiamoci, perché a casa c’è Donata, la figlia di dieci anni che inizia a lanciare i primi segnali di un’adolescenza decisamente in anticipo.

Ma stavolta conciliare il ruolo di padre single con quello di reporter d’assalto sembra davvero un’impresa disperata: sì, perché c’è tutto un mondo che ruota intorno al delitto di via Maggio e le ipotesi che si affacciano sono sempre più inquietanti.

Su tutte, l’ombra della massoneria, che in città è prospera e granitica da secoli. E l’inchiesta corre veloce in una Firenze improvvisamente gotica e oscura.

Letto da: Paolo

Opinione personale: Agganciandomi a quanto scritto tempo fa sul Gruppo FB, vien da dire che acquistare l’opera prima di un autore italiano sia stato un azzardo.

Quello che conta però non è la nazionalità dell’autore o quanti libri abbia scritto, ma il gradimento ed il mio giudizio oscilla fra il Medio ed il Buono; lo stile di scrittura è facile, il che non è  necessariamente un difetto, e la lettura è stata gradevole.

Diversamente da altri gialli, in questo caso il personaggio principale è un giornalista di cronaca giudiziaria che di fatto non prende il posto degli investigatori, ma scavando alla ricerca di informazioni per i suoi articoli, scopre la verità dei fatti.

Nei polizieschi in genere gli investigatori devono fare i conti con un un questore troppo servile verso i poteri forti ed in questo acso è il direttore del giornale ad essere dispotico e poco professionale.

Sarà un clichè oppure tutti quelli che occupano una posizione gerarchica superiore alla nostra sono dei fessi?

Se in genere sono i poliziotti ad avere una vita personale complicata, con una bassa capacità di relazionarsi con l’altro sesso, ecco che anche il giornalista svicola delle attenzioni di una bella avvocatessa e si barcamena con la figlia pre-adolescente.

La storia dal punto di vista criminale è abbastanza credibile, anche se è strano che il colonnello dei CC a capo di un’unità speciale talvolta si faccia prendere in contropiede dal giornalista.

Ho però dei dubbi circa la dinamica dell’omicidio ovvero tanti anni di CSI 😉 ci hanno insegnato che uccidere a coltellate una persona comporta un rischio alto di ferirsi e, non ultimo, di numerosi fiotti di sangue che sporcano gli abiti dell’assassino.

E quindi mi sembra oltremodo strano che uno possa infliggere 23 coltellate, infierendo con violenza e con una certa dinamica che non dirò (ovviamente), senza sporcarsi in modo tale da poter andare in strada senza essere notato. Ma questo è forse un voler cercare il pelo nell’uovo… 😉

Il gudizio complessivo resta positivo; vedremo come sarà il prossimo libro…

(*) Qui trovi gli altri libri in vendita – Verifica le eventuali promozioni in corso

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: