Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

“Milano ride”, ma l’italiano piange

Con questa puntuale analisi di Licia Corbolante mi ha tolto le parole di bocca. 😉

Infatti non appena visto il logo Milano Ride ho avuto lo stesso pensiero e subito dopo mi sono cadute le braccia, perchè come precisa Licia: Milano si conferma capitale dell’itanglese!

Cosa vi suggerisce il nome Milano Ride, evento in programma dal 22 al 24 settembre, associato ai marchi Vodafone e Radio DeeJay e rivolto a un pubblico italiano?

Se avete pensato a un festival della comicità avete sbagliato.

Milano Ride è un evento “per gli amanti delle due ruote in tutte le sue declinazioni”.

Ride quindi non è una parola italiana ma inglese, in questo contesto la corsa in bicicletta.

La prima impressione è quella che conta e sarei curiosa di sapere se chi ha scelto il nome ibrido Milano Ride ha considerato le possibili interpretazioni alternative, sia per le comunicazioni scritte (canale grafico-visivo) che orali (canale fonico-acustico).

In un contesto italiano la parola Milano ci condiziona a leggere come italiana anche la parola che segue, soprattutto se ne ha l’aspetto.

Il simbolo usato nel logo, una M tridimensionale, è troppo astratto e non spinge chi legge ad associare ride a una manifestazione ciclistica.

Anche una comunicazione orale, ad es. alla radio, potrebbe risultare ambigua: è probabile che ride venga sentito come l’anglicismo più comune ma di diverso significato raid. Una percezione scorretta può penalizzare la ricerca di informazioni.

Lettura integrale qui: Terminologia etc. » » Decodifica aberrante: Milano ride!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: