Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Non ho mandato l’offerta, ma risulto più caro? E’ un mistero ;-)

In realtà non volevo scriverci un post, ma dopo averne parlato sul Gruppo FB, da cosa nasce cosa, per cui tanto vale condividere il tutto con voi.

Ieri raccontavo che c’è un ex-cliente (poco corretto) che negli ultimi mesi ha inviato 3 richieste, tutte piuttosto grosse ed urgentissime. Alle prime due ho risposto “per onor di firma”, ma la terza l’ho ignorata, tanto so bene che mi facevano solo perdere tempo.

In merito a quest’ultima, alla quale come detto NON ho risposto, oggi mi scrivono che: “in merito alla richiesta di offerta allegata sono a ringraziarvi molto per la collaborazione ma abbiamo assegnato l’ordine a Vs concorrente più competitivo.” 

Una battuta ci sta: essere scartato perchè troppo caro, senza neanche aver mandato l’offerta mi fa girare le balle.

In ogni caso questa cosa mi ricorda una vicenda degli anni ’80, con la multinazionale X che assegnava le commesse a seconda degli inciuci e delle mazzette che davi ed ovviamente noi che abbiamo sempre giocato pulito non beccavamo mai ordini.

Il divertente è che abbiamo fatto l’ultima offerta ad X a 100 ed al nostro cliente Y a 100 ed X ci ha poi scritto dicendo che aveva assegnato il lavoro ad Y che era molto più basso con il prezzo… i misteri delle bustarelle. 😉

Scrive G.B.: Perchè dei 100 dati a Y una parte tornava in tasca a chi gli commissionava il lavoro… che alla ditta costava sempre 100 ma vuoi mettere? La bella italietta del sottobosco e del sottobanco… e dei lavori fatti male!

Ma in realtà non è così, in quanto Y compra da me a 100, ma ovviamente ci ricarica del suo e ad X vende a 140 (se va bene), anche perchè deve compensare i noti ritardi di pagamento di X oltre che le spese (in nero) per pagare la mazzetta.

Io casco in piedi, vendo a 100 come richiesto, Y pure ma X invece paga molto di più del prezzo di mercato.

Vero che il furbetto è quello dell’Uff. Acquisti, ma vero anche che dovrebbe esserci una catena di comando che effettui controlli sulle commesse.

Ma poi capita come nella sede italiana di un mio cliente estero dove 20 anni fa la mazzetta la prendevano tutti, dal portiere al direttore…

…ed ecco i racconti delle tangenti pagate ai sindacalisti per piazzare le macchinette del caffè nei posti più redditizi…

…dei magazzinieri che chiudevano un occhio sui quantitativi di merce esagerati che arrivavano…

…dei mulettisti per far si che il camionista fosse scaricato nei giusti tempi, perchè se non pagava ecco che quando arrivavano i camion, casualmente i muletti erano tutti in carica e doveva perdere ore preziose in attesa…

…sino al direttore che infine ha perso il posto quando da Parigi hanno cominciato a fare i controlli e scoprendo di tutto, sino ai collaboratori che andavano alle riunioni parigine in treno e lui si faceva rimborsare i biglietti aerei non usati e si teneva i soldi.

Morale della favola?

Quello che negli anni ’80 era un importante stabilimento nel settore, con oltre 200 dipendenti ora è un magazzino dove spedisco il materiale che sarà poi lavorato in Germania ed i dipendenti sono una ventina.

D’altro canto è un sistema conclamato anche quando c’è di mezzo lo Stato, lo so io, lo sai tu e lo sanno tutti quelli che hanno le amni in pasta.

Passano gli anni, i decenni, si alternano governi di vario colore e via dicendo, ma nulla cambia.

Avanti così Italietta… 

Compri con il prezzo al ribasso e domani pagherai di più…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: