Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Mi scrive il commercialista: “abrogati gli Studi di settore, arriva l’Isa”

Il mio commecialista in genere mi scrive nel fine settimana e 9 volte su 10 è una comunicazione che mi indispone e, talvolta, mi rovina il tentativo di smaltire in quei due giorni di pausa (relativa) l’accumulo settimanale di rabbia lavorativa.

Ieri non ho controllato la posta aziendale, per cui l’email me la sono trovata questa mattina e fra le parole lette, c’è una frase che non mi stupisce:

Certamente il Fisco non ha provveduto alla semplificazione, ma ha solo complicato le cose.

Non avevo dubbi.

Vediamo che mi racconta…

Dopo la tanto attesa abrogazione degli STUDI DI SETTORE come avrete già letto dalla stampa con il modello UNICO 2019 il contribuente con partita

IVA sarà soggetto ai nuovi INDICI SINTETICI DI AFFIDABILITA’ – ISA.

Di seguito cercheremo sinteticamente di spiegare che cosa sono.

Trattasi di un voto da 1 a 10, come a scuola! Se l’indice è inferiore a 6 scattano i controlli da parte dell’autorità competenti.

L’agenzia delle entrate precisa che l’ISA (Indici sintetici di affidabilità) è un sistema per favorire l’assolvimento degli obblighi tributari e allo stesso tempo incentivare l’emersione spontanea di redditi imponibili.

L’ Agenzia chiarisce che gli indici sono degli indicatori i quali hanno il compito di misurarlo attraverso un metodo statistico- economico, dati e informazioni relativi a più periodi d’imposta, che forniscono una sintesi di valori tramite la quale sarà possibile verificare la normalità e la coerenza della gestione professionale o aziendale dei contribuenti .

Per mezzo del riscontro trasparente della correttezza dei comportamenti fiscali consentirà di individuare i contribuenti i quali risultando più affidabili, avranno accesso a significativi benefici premiali (ancora non conosciuti).

Certamente il Fisco non ha provveduto alla semplificazione, ma ha solo complicato le cose.

Il sistema emette le cosiddette pagelle fiscali che si basa sul calcolo del proprio indice sintetico di affidabilità fiscale attraverso l’apposito software e mettendo a disposizione per ogni contribuente nel proprio cassetto fiscale i dati precompilati ISA indispensabili per il calcolo.

A seguito dell’elaborazione del calcolo Isa ne esce fuori un punteggio che varia da 1 a 10 indicante proprio il livello di affidabilità che viene raggiunto dal contribuente.

Si parla di un punteggio, dove 1 è il punteggio minimo e 10 il punteggio massimo.

Si parla di un indicatore ISA affidabile nel momento in cui il punteggio indicato è minimo 8.

Il fisco tiene conto di questa elaborazione e attua dei benefici crescenti e proporzionali, con punteggio superiore all’8, con l’8,5 e con 9.

In pratica, tutti i contribuenti che ottengono un punteggio basso dagli Isa, finiscono sotto la lente del Fisco.

E’ possibile come per gli studi di settore aumentare l’indice di affidabilità versando maggiori imposte (ex adeguamento).

Indici ISA 2019

Quello che concorre a sviluppare il giudizio da 1 a 10 degli indici di affidabilità fiscale sono gli indicatori appositamente sviluppati.

Molti di questi sono sempre stati presenti tanto che venivano anche utilizzati all’interno degli studi di settore; altri invece sono specifici degli ISA, come:

Normalità economica;
Dati utilizzati;
Modelli organizzativi;
Base imponibile,
Stima del valore aggiunto;
Analisi dei dati.

Ci sono poi gli indicatori di anomalia, che sono:

Discordanze tra i dati presenti nelle dichiarazioni dei contribuenti e quelle ricavabili dal ricorso a fonti esterne.

Profili risultanti in qualche modo al di fuori della media standard applicabile per la stessa categoria e modello organizzativo.

A queste prime categorie standard, si aggiungono anche gli indici di affidabilità fiscale che tengono conto di tutta la storia del contribuente e non solo delle informazioni contenute nelle dichiarazioni ricevute.

Possono anche essere prese in considerazione le informazioni che sono in possesso dell’Inps o di altri enti preposti.

Buon voto!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: