Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Un libro: Come cambiare la tua mente

«Scrivere questo libro è stato come ritrovarsi sulla linea di un confine spalancato, strizzando gli occhi per vedere meglio qualcosa di prodigioso».

Nessuno avrebbe saputo riassumere il senso dell’ultimo lavoro di Michael Pollan, o certo non con la sufficiente credibilità, e la necessaria ironia. A parte Michael Pollan, naturalmente, e questo per una ragione molto semplice e molto profonda, che non riguarda la leggerezza e la precisione della sua scrittura.

Solo il suo protagonista, infatti, poteva descrivere un libro a metà strada fra il diario di viaggio e la cronaca di un lungo esperimento, dove prende forma la storia di una sostanza di cui moltissimo si è per decenni straparlato, e pochissimo si sapeva davvero: l’LSD.

Almeno prima che Pollan, incontrando una serie di uomini e donne straordinari – guru veri o presunti, scienziati serissimi, medici di frontiera -, e poi provando in prima persona cosa intendono i profeti del lisergico per «toccare Dio», non decidesse di raccontare che cosa veramente questa sostanza in parti uguali mitologizzata e demonizzata sia: come agisce, cosa cura, e soprattutto quale luce strana, violenta e terribilmente fascinosa getta su quello che sembra tuttora essere il mistero definitivo, l’unico in grado di resistere a tutte le nostre, spesso affannose, ricerche: la mente.

leggi anche questo articolo di RivistaStudio 

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 29 luglio 2019 da in L'angolo dei libri - Le nostre segnalazioni.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: