Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Un libro: La ladra di ricordi

di Barbara Bellomo

Tea – Pagg. 305 -€ 10,00 > lo vendo ad € 4,00 + spese spedizione

Clicca QUI per vedere l’elenco degli altri libri in vendita

Trama: Isabella De Clio è una archeologa siciliana specializzata in arte antica: seria e spigolosa, onesta, preparatissima e… cleptomane.

Delusa dalla vita, e dagli uomini, sta finendo una borsa di studio che potrebbe lanciarla nel circuito dei più importanti musei del mondo.

Nel labirinto accademico, dove ambizione, tresche amorose e volontà di riscatto sembrano aver la meglio sulla meritocrazia, si inserisce all’improvviso l’inspiegabile omicidio di una donna dall’oscuro passato, che ha a che fare con un prezioso cammeo di età augustea.

È proprio questo cammeo a coinvolgere Isabella nelle indagini, a fianco all’affascinante commissario Caccia, stanco della routine familiare e appassionato di jazz, a Giacomo Nardi, vedovo e depresso professore di museologia e beni culturali, e al nipote della vittima.

Il cammeo perduto dono di nozze offerto a Ottaviano dalla sua sposa bambina e, due millenni dopo, pegno del silenzio offerto da un losco padrone alla sua giovane amante per nascondere una terribile colpa – innesca una storia che intreccia la Roma del I secolo a.C e l’Italia contemporanea, i grandi protagonisti dell’età repubblicana – Cesare, Lepido, Cicerone, Marco Antonio, la crudele moglie Fulvia e la piccola Clodia – e i mediocri baroni universitari dei nostri tempi, lo sbarco alleato in Sicilia, la violenza che si nasconde tra le mura di casa e la precarietà in cui i ragazzi di oggi, anche i migliori, sono costretti a crescere e a diventare adulti.

Letto da: Paolo

Opinione personale: L’autrice ha un dottorato in storia antica e si vede, però diversamente da altri autori con le medesime competenze, ha la capacità di catturare l’attenzione del lettore, senza annoiarlo con un nozionismo stancante, come mi è successo in passato con altri autori.

I personaggi sono interessanti e credibili, complessuivamente, e la storia regge dall’inizio alla fine, anche se ad un certo punto si complica un poco e quindi richiede una lettura più lunga di quella che potevo concedere io che leggo solo di sera, prima di dormire.

Nella mia classifica personale gli assegno un Buono più che meritato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: