Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Un libro: Un paese terribile

«Cosa ci fai qui? Questo è un paese terribile»: è così che nonna Seva, classe 1919, accoglie il nipote prodigo a Mosca.

Anche se il grigiore sovietico e la dittatura sono solo un ricordo, Andrej si rende presto conto che Seva ha ragione, non foss’altro per il consumismo tossico che assedia la Russia del nuovo millennio.

In fondo, però, al ragazzo non dispiace essere lì, cullato dalle storie della nonna smemorata, lontano dalla sua vita sconclusionata di New York e dalla grande recessione del 2008.

Quando poi Andrej comincia a frequentare un gruppo di attivisti socialisti e incontra Julja, è amore a prima vista. Tutto, insomma, sembra andare a gonfie vele nella nuova, sonnolenta, esistenza da rimpatriato.

Ma nella vita è facile subire cadute e arresti. Letteralmente. Intelligente e ironico, il nuovo romanzo di Gessen si interroga sul debito che abbiamo nei confronti del posto in cui siamo nati.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 4 febbraio 2020 da in L'angolo dei libri - Le nostre segnalazioni con tag , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: