Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Un libro: Forse ho sognato troppo

Testi & foto di Ro_0225

La vita di Nathalie, hostess dell’Air France, scorre liscia come l’olio: vive in una graziosa villetta sulle rive della Senna. La sua vita oscilla tra il lavoro, che tre volte al mese la fa volare all’altro capo del mondo, e la famiglia, a cui si dedica con entusiasmo e attenzione.

L’idilliaco quadretto si spezza però per una serie di incredibili coincidenze in seguito alle quali si trova a ripercorrere lo stesso itinerario di viaggio, tre voli in rapida successione a Montréal, Los Angeles e Giacarta, durante il quale vent’anni prima si era perdutamente innamorata del giovane chitarrista Ylian.

Sta accadendo qualcosa di strano. Una mano invisibile la spinge a tornare sui suoi passi, dentro un mistero sempre più inquietante.

Bello, avvincente romantico…

Un po’ di magia, un po’ di pazzia un po’ di giallo verso il finale che non ti aspetti che rimette insieme tutte le coincidenze del caso, o forse no…“il caso non esiste, esistono gli appuntamenti”.

Comunque è un buon mix, una bella storia per sognatori.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 15 giugno 2020 da in L'angolo dei libri - le nostre recensioni con tag , , , , , .
<span>%d</span> blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: