Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Un libro: Le indagini del Tenente Roversi (Trilogia)

di Gavino Zucca

Newton Compton – Pagg. 696 – € 9,90

Ci vorrà tempo perchè sia disponibile, ma il libro sarà messo in vendita ad € 5,00, spedizione ordinaria inclusa.

Trama: Gavino Zucca ambienta i suoi gialli in una Sardegna misteriosa e affascinante e conquista il lettore con un protagonista burbero e brillante.

Tempi duri per il tenente dei carabinieri Giorgio Roversi: trasferito in Sardegna per motivi disciplinari, il giovane ufficiale si trova proiettato in una terra che niente ha in comune con la sua amata Bologna.

Opinione personale; Un libro acquistato durante la lunga permanenza in casa causa pandemia e che ho acquistato invogliato dal prezzo basso e senza certezze dato che non avevo mai letto nulla dell’Autore.

Ero titubante, in quanto in genere non amo particolarmente i gialli ambientati negli anni 60-70, ma è un mio limite.

L’opinione ovviamente è suddivisa in tre parti.

Il mistero di Abbacuada: In questo primo episodio ho fatto la conoscenza, positiva, con il Ten. Roversi.

Un ufficiale che pur conscio del suo ruolo di ufficiale dell’Arma, porta avanti le indagini uscendo dai binari imposti dalle regole.

E’ quasi naturale che faccia amicizia con Gualandi, ex ufficiale dei Carabinieri e proprietario terriero che lo inserisce al meglio nella realta’ sarda, decisamente diversa da quella bolognese.

Diversamente da altri (vedi Schiavone) che subiscono un trasferimento punitivo in un territorio ostico, Roversi mostra la sua intelligenza e maturita’ immergendosi nella realta’ locale, inclusa quella culinaria, grazie anche a Caterina, bella ed intelligente ragazza a servizio da Gualandi.

Il giallo di Montelepre: Anche in questo caso l’indagine principale di Roversi, è intercalata da un’altra più leggera, che si muove in parallelo, così da dare un tocco di leggerezza al tutto; credibili entrambe, rendono il libro una piacevole lettura, tanto più considerando un’ulteriore vicenda, quella dello iettatore, che crea momenti umoristici.

Nel passato di Roversi c’è qualcosa che l’Autore ci fa scoprire lentamente e che è stata la causa del trasferimento punitivo in Sardegna; l’arrivo della bella Flavia da Bologna aggiunge pepe alla storia, con Caterina che si indispettisce per l’arrivo di una rivale; vero che serve ad animare la storia, ma francamente preferirei che caterina e Roversi parlassero di più, invece che limitarsi a mezze parole e sguardi che da una parte incendiano gli animi e dall’altra li raffreddano.

Lettura piacevole, anche se forse il tutto è stato tirato un po’ per le lunghe. Il giudizio resta positivo.

Il delitto di Saccargia: Terza ed ultima indagine di Roversi, con elementi nuovi a partire dal fatto che viene distaccato in una piccola caserma della provincia e con Gualandi che va in trasferta a Bologna per aiutare il Tenente a risolvere il problema legato all’arresto di Flavia per omicidio.

La storia mi è piaciuta, così come  l’alternanza fra i momenti più leggeri (vedi la vedova Desole) e le indagini serrate che Roversi conduce sul territorio, a lui ancor più sconosciuto della città nella quale è stato trasferito e nella quale si è ambientato velocemente, grazie anche alla guida di Gualandi.

Ci saranno sorprese al termine dell’indagine e devo dire che sono arrivato a capire nel momento stesso in cui ci arrivava anche Roversi. 🙂

Da quel romanticone che sono, va da sè che le ultime righe nelle quali Roversi si allontana con caterina sottobraccio mi fanno ben sperare per il futuro … in ogni caso l’indagine successiva è già nella Lista sull’App di Feltrinelli, per cui prima o poi arriverà sulla libreria.

Questo episodio in particolare mi è piaciuto, forse il migliore dei tre o forse sono io ad essere entrato in totatle sintonia con Roversi, le sue piccole manie (scorze) ed il suo modo di indagare fuori dagli schemi, il che per un ufficiale dei CC neglòi anni ’60, è segno di un bel caratterino…

Il volume letto è una trilogia, per cui al di là del gradimento delle singole indagini, il giudizio personale è unico e per quel che mi riguarda è Ottimo.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: