Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Un libro: Il mattino dei maghi

Titolo: Il Mattino dei Maghi

Autori: L. Pauwels e J.Bergier

Letto da: Miro

Opinione: L’idea di parlare di questo libro mi è venuta leggendo un articolo del blog https://paoblog.wordpress.com/category/bufala-ed-antibufala/, quando ho letto dell’allusione alla teoria della terra cava sono andato a riprendermi in libreria l’amato volume di Pauwels e Bergier.

Ho letto e riletto questo libro tra i 17 ed i 19 anni, quindi parliamo di almeno 22 anni fa e posso dire senza alcun dubbio che è stato il libro che mi ha impressionato ed ho amato di più.

E’ grazie a questo libro che ho cominciato ad amare la scienza e la ricerca, anzi, dopo averlo letto mi era venuta la voglia di dedicarmi alla scienza pura, poi ho deviato su ingegneria per ovvi motivi ma un po’ di rammarico ancora ce l’ho.

Ho cercato le definizioni “Mattino dei maghi” ed i nomi degli autori su Wikipedia e viene fuori che si tratterebbe quasi di un trattato di esoteria scritto da due scrittori/giornalisti….niente di tutto questo.

E’ un libro grande complesso, articolato e disomogeneo: al suo interno si parla di civiltà scomparse, di alchimia, di psicoanalisi, di fisica nucleare, della storia della scienza sotto il nazismo e di molto altro.

Ci sono biografie di persone e racconti brevi, aneddoti personali e teorie visionarie: è un grande e complesso saggio in cui uno scienziato (tra i padri della ricerca sull’atomo) ed uno scrittore immensamente dotato hanno infuso tutto il loro sapere.

Quello che ne è esce fuori è un grande atto d’amore per una vita orientata verso il sapere e la ricerca.

Da quando l’ho letto è passato tanto tempo ed una intera rivoluzione informatica ma, ora che è sulla mia scrivania e lo sto sfogliando a caso non mi pare che le sue pagine abbiano perso nulla di quell’enorme potere divulgativo che tanto mi affascinò a suo tempo.

Voto: n.c. ( e chi sono io per valutare un’opera del genere?)

Consigliato: assolutamente SI

La frase: ”Una vita d’uomo non si giustifica se non con lo sforzo, anche sfortunato, tendente a capire meglio. E capire meglio è aderire meglio. Più capisco, più amo, perché tutto ciò che è capito è bene.”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 15 febbraio 2009 da in Cultura - Arte - Musica, L'angolo dei libri - le nostre recensioni con tag , , , , , , , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: