Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Un libro: K2

Con i suoi 8611 metri il K2 è la seconda montagna della Terra, nonché la più irraggiungibile. Quattro volte più mortale dell’Everest, il K2 ha reclamato il sacrificio di settantasette vite umane dal 1954, quando fu «conquistata» per la prima volta.

Nell’agosto del 2008 undici alpinisti morirono in quella che è stata la sua più grande tragedia: ciononostante il K2 rimane la vetta più ambita dagli alpinisti di tutto il mondo, il Sacro Graal dell’alpinismo, come amava definirla Ed Viesturs prima di affrontarla.

In questo libro Viesturs narra la storia alpinistica del K2 e, raccontando i successi e i tragici insuccessi di cui questa storia è costellata, si confronta con le questioni fondamentali poste dall’alpinismo: la valutazione dei rischi, l’ambizione, la lealtà, lo spirito di sacrificio e il prezzo della gloria.

Ed Viesturs ha tutte le carte in regola per parlare di queste cose; è uno dei più grandi alpinisti viventi e, nel 1992, insieme a Scott Fischer ha salito il K2 ed è stato travolto da una valanga, ma fortunatamente è riuscito a frenare la sua rovinosa discesa conficcando la sua piccozza nella neve e arrestando anche la caduta del compagno di cordata.

“All’alba del 1° agosto del 2008, una trentina di scalatori appartenenti a dieci spedizioni diverse lasciò i campi alti sulla cresta degli Abruzzi del K2. Con i suoi 8611 metri, il K2 è la seconda vetta del mondo per altezza. Dopo settimane di attesa forzata per il brutto tempo, il primo giorno limpido e senza vento gli alpinisti erano pronti a tentare l’ascesa alla vetta. Le tempeste incessanti avevano fatto precipitare il morale, e alcuni avevano gettato la spugna e fatto ritorno a casa. Quelli che erano rimasti, però, adesso erano sovreccitati. Di lì a qualche ora, avrebbero raggiunto uno dei traguardi più inafferrabili e gloriosi dell’alpinismo. Per molti di quegli uomini e di quelle donne, il K2 rappresentava l’obiettivo di una vita…”

Fonte: www.illibraio.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 13 luglio 2010 da in L'angolo dei libri - Le nostre segnalazioni con tag , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: