Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Che cos’è la cultura per te?

Nei giorni scorsi ho letto su Vanity Fair una breve intervista di Laura Pezzino ad Elisabetta Sgarbi (direttore editoriale di Bompiani e regista) che per un mese ha posto questa domanda in giro per l’Italia; il risultato sono state 150 ore di girato e centinaia di interviste condensate in un film di 88 minuti, intitolato Se hai una montagna di neve, tienila all’ombra.

Il titolo del film risale alle parole di un barcaiolo del Po di Ro Ferrarese il quale alla domanda: “Come salvare la cultura” ha risposto C’è un detto, Se hai una montagna di neve, tienila all’ombra. Significa che deve essere alimentata se no la si perde.

Fra le molte interviste, ci sono anche personaggi pubblici come Battiato, Carmen Consoli, Umberto Eco, Enrico Ghezzi; Laura Morante ha risposto dicendo che per lei la cultura deve esere fatica e che leggere libri difficili le dà più gioia, perchè è un’esperienza attiva.

La definizione di cultura della Sgarbi invece è questa:

E’ curiosità, qualcosa che ti porta ad uscire da te stesso, a conoscere altro, a riportare dentro di te un accumulo di esperienze. Come una montagna di neve, dove qualcosa anche si perde e si scioglie. Cultura è conoscenza ed oblio.

Ovviamente mi sono posto la stessa domanda, subito, non appena ho letto la prima riga dell’articolo ed ho constatato che la risposta è simile a quella della regista.

Secondo me Cultura è porsi delle domande e cercare delle risposte.

11 commenti su “Che cos’è la cultura per te?

  1. Francesco
    15 settembre 2010

    Probabilmente, per me, non è facile rispondere di slancio e con una definizione sintetica e inequivocabile a questa domanda.

    Potrei scrivere, infatti, che vedo il termine “cultura” identificare un aspetto molto complesso dell’Uomo che caratterizza la sua personalità e gli aspetti della sua vita sotto tante sfaccettature, arrivando a determinare massimamente la sua personalità agli occhi degli altri, ma anche nel proprio intimo agire e considerarsi.

    La cultura è sicuramente Curiosità in un affascinante gioco attivo e passivo: credo che più si è curiosi più si diventa cólti arricchendo il proprio bagaglio di sapere ed esperienza; al tempo stesso, però, la cultura e il sapere stuzzicano la curiosità: più si ha cultura più cresce la fame, l’appetito vien sapendo potemmo scrivere.

    Questa curiosità di cultura non è mai sterile, poiché “causa” Arricchimento e Crescita, come un cibo che nutre. Cultura è qualcosa che non solo fa bene, ma ci aiuta in quanto linfa vitale.

    Contemporaneamente, cultura è qualcosa fine a sé stessa: Puro Piacere e Puro Divertimento, come un gioco. Nutrire la propria cultura di sapere diverte, come gustare il cibo per puro piacere e non per solo nutrimento vitale.

    Tornando al secondo punto, essendo linfa vitale, la Cultura può considerarsi una sorta di Armamentario da utilizzare nella vita: sempre con un parallelo legato al nutrimento, la cultura è quel sano cibo che contribuisce a rafforzare il corpo, a metter su massa muscolare. Avere Cultura aiuta ad affrontare meglio qualsiasi circostanza della vita.

    Tornando al puro piacere, direi che la Cultura aiuta la stima verso sé stessi e il porsi con disinvoltura nei confronti degli altri: Cultura è Forza carismatica.
    Un qualcosa che ti fa distinguere e desiderare agli occhi degli altri: e, questo, nella vita male non fa mai; può semplicemente nutrire di piacere il proprio ego, ma anche dare benessere nel vivere serenamente le relazioni sociali.

    Infine, Cultura è una Eredità da lasciare ai posteri. Forse quanto di più bello si possa trasmettere a chi ci vive accanto e a chi, pur dopo anni e anni dalla nostra morte, viene dopo di noi. Quel che sappiamo, trasmettiamo agli altri. Contribuendo al continuo evolversi e migliorare dell’Uomo. Ci può essere qualcosa di più bello? Cultura è un modo per sconfiggere la morte, il bello di continuare a vivere in eterno.

  2. Nancy
    16 settembre 2010

    Per me cultura è tutto quello che alimenta la parte migliore che ciascuno di noi ha.

    Questa ci parla direttamente nel linguaggio più adatto a noi e si manifesta di volta in volta, seguendo una via d’ingresso diversa.

    E’ sempre una novità che esplode, quando uno meno se lo aspetta e ci cattura per poi lasciarci liberi e ricchi con qualcosa di nuovo, prima invisibile e poi concreto e visibile ogni volta che la memoria ci accende quel bellissimo incontro.

  3. miro
    16 settembre 2010

    Da sempre associamo il concetto di uomo colto alli’idea di una persona che ha molto studiato e per questo possiede una gran quantità di nozioni.
    Nel mondo moderno in realtà non contano tanto le nozioni che si hanno poichè ogni dato, ogni informazione è sempre accessibile anche da un palmare.
    Ancora di più che in passato essere uomo di cultura significa conoscere il flusso delle informazioni e saperle poi rielaborare. Pretendere di essere colti per aver letto molti libri è come tentare di imparare a memoria l’elenco telefonico di Milano senza imparare a cosultarlo. Quando dico che il livello culturale medio è incredibilmente basso considerando la quantità media di tempo che mediamente persone adulte hanno passato a scuola mi riferisco a questo: l’incapacità dell’individuo medio di affrontare un discorso senza prima essersi documentato ed aver rielaborato quanto appreso.

  4. ele
    16 settembre 2010

    Come già detto, difficile dare una definizione di un termine che racchiude in sè una moltitudine di accezioni.
    Comunque ci provo: per me cultura è rispetto.
    Sopratutto rispetto del mondo e della vita.
    Non credo che la cultura si debba confondere con il nozionismo, con il possesso di titoli di studio, con posizioni di prestigio e via discorrendo…
    Cultura è apertura della mente, è essere cittadini del mondo anche se non ci si muove di un passo da casa propria. E’ conoscenza dell’intimo, senza fermarsi all’apparenza.

  5. Bosch
    17 settembre 2010

    Non è facile in poche parole esprimere un concetto che ha tanti risvolti e interpretazioni; potremmo iniziare a dire che la Cultura e’ una cosa che fa parte di noi stessi, che non è semplicemente memorizzare un libro, o essere edotti su un certo argomento.

    E’ composta da tanti elementi, ad esempio, la curiosità, molla fortissima, che ti spinge a ricercare una cosa, la sete di sapere, che può appagare un qualcosa del tuo IO, il desiderio di essere pari agli altri, che è la competitività, la convinzione di avere un’arma in mano con la quale difendersi (visti i tempi c’è sempre qualcuno che vuole saperne più di te, convinto di farti fare ciò che vuole, e al quale si può rispondere Guarda che non e’ così , ma è anche un piacere, nel senso che se trovi qualcuno cui piacciono le tue stesse cose, che hai approfondito ad un livello superiore, hai un riscontro che ciò che sai, e per il quale hai usato molto del tuo tempo è giusto.

    Non so se ho reso l’idea, (come se tu trovassi un esperto di automobili, che so, in sala d’attesa e ci scappa una chiacchierata sui tuoi argomenti preferiti, sicuramente una cosa piacevole, no? Come se io trovassi un musicista con cui scambiare opinioni…)

    Non ultima, la mancanza cronica di Cultura nel mondo di oggi, che non ci vuole pensanti e con idee personalizzate, ma facilmente manipolabili; potremmo parlare molto di piu’, ma limito l’intervento.

    Concludo citando un paio di frasi che mi piacciono:

    Puoi comprare un libro, ma non la cultura; (Si puo’ essere poveri,ma non Ignoranti);

    Gli uomini nascono uguali, ma è la cultura che li fa diversi. (Meglio essere che avere) ;

    Fatti non foste a viver come bruti……………….(Il Sommo, XXVl Canto)

    • paoblog
      17 settembre 2010

      Basandomi sulle risposte finora ricevute, credo che siamo tutti d’accordo sul alcuni punti.

      La Cultura non è nozionismo. La Cultura è curiosità. La Cultura è ricerca.

  6. Idem
    22 settembre 2010

    Non so di preciso cosa sia la cultura. E’ un concetto difficile da spiegare con parole.

    La cosa che mi sento di dire è che per me sicuramente la cultura è intimamente e saldamente legata con l’amore.

    L’amore per tutte le cose “animate” e “inanimate” che “vivono” con noi…si può amare un animale, una persona, un fiore come anche un pensiero, un’idea, un ideale….questo “amore” e di conseguenza il “rispetto” è cultura.

  7. Poppea
    27 settembre 2010

    La cultura è il rispetto per gli altri, il senso civico nell’affrontare le situazioni, mantenere la calma anche quando vorresti spaccare tutto. Questa per me è cultura; poi uno può avere solamente la licenza elementare.

  8. Gigi
    28 gennaio 2013

    Tutti noi possiamo essere colti, non è necessario essere laureati, basta avere voglia di leggere libri, giornali, incuriosirsi e con i mezzi di comunicazione che abbiamo a disposizione è molto facile (internet).

    Avere un po di cultura generale non guasta mai, sopratutto nell’ambito lavorativo, sapersi rapportare con i propri colleghi o clienti è molto importante.

    Essere colti per me vuol dire anche, coltivare delle passioni, qualsiasi esse siano, naturalmente, passioni intelligenti.

    È vero anche che ci sono persone colte, ma purtroppo poco intelligenti.

  9. Madamin
    28 gennaio 2013

    Allora, cos’è la cultura…..be’, è un processo di formazione attraverso il quale, acquisendo nozioni, informazioni, conoscenza in generale (grazie anche alla frequentazione di altre persone e, in generale, dell’appartenenza ad un sistema “integrato”) noi costruiamo il nostro “sapere”.

    Ovviamente la parola cultura ha diverse accezioni: cultura di un paese (ad esempio “cultura americana o asiatica”), cultura alimentare, cultura ambientale, ecc. che insieme contribuiscono generalmente a connotare un certo numero di persone.

    Singolarmente la cultura comprende (secondo me) abitudini, usi, comportamento, conoscenza didattica, comunque doti acquisite durante un iter formativo sia familiare che scolastico che lavorativo.

    Non so se ho interpretato in modo giusto la domanda….c’è un trabocchetto?

  10. Pingback: Un libro: Cultura « Paoblog

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: