Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Sul display leggo “numero privato” e…

…e molto semplicemente abbiamo deciso di non rispondere più.

(Peccato che non possa adottare la stessa tecnica in azienda, visto che ci sono alcuni clienti con numero privato…)

Come dicevo nei giorni scorsi,  è un dato di fatto che la battaglia per il rispetto della privacy sia ormai persa, per cui è necessario passare oltre.

Siamo stanchi di ricevere continue telefonate dal mobilificio veneto con il salotto in offerta, (altro che acquisti a chilometro zero…) dell’agenzia immobiliare che mi chiede se voglio vendere la casa (e poi vado sotto un ponte?) o se conosco qualcuno che la vuole vendere (e lo dico a te?), passando poi per le varie cantine toscane, venete e piemontesi che ultimamente hanno alzato il livello di rottura facendo fare le telefonate ad un computer…

Cari miei o cambiate modalità di contatto oppure non mi avrete! 😉

Articoli correlati:

Chiamalo marketing se ti va –  Infostrada, i call center e la privacy –  Fastweb ed i call center; sempre peggio…

12 maggio 2014 – a Mi Manda Rai 3 si è parlato delle telefonate indesiderate e del fatto che nonostante i tanti strumenti normativi a disposizione dei consumatori, spesso i cittadini continuano ad essere presi d’assalto dagli operatori di vari Call Center, che propongono le offerte più disparate.

Come difendersi dalle chiamate in cui cercano di vendere prodotti o servizi a tutte le ore del giorno?

Presente in studio Maurizio Pellegrini dell’inutile Registro delle Opposizioni.

gGli addetti ai lavori sembrano dimenticarsi che le regole ci sono, certo, ma sono puntulmente violate non solo da “una parte delle aziende” come afferma Umberto Costamagna, presidente Assocontact.

Ridicolo anche il consiglio di chiedere all’azienda di essere cancellati, dato che chi ti chiama (come ha precisato un ex operatore) non cita il nome dell’agenzia, ma quello del cliente finale.

C’è poi da chiedersi se l’Assocontact (così come l’Autorità) ci è o ci fà…

Un esempio tipico, che ho citato nel 2009  è quello di Mauro Paissan, allora componente del Garante della Privacy: “Il Paissan dice che si può richiedere la cancellazione dei propri dati, così come ha ripetuto a Striscia la Notizia, la scorsa settimana, il Presidente di un’associazione dei consumatori.”

Chiedere a chi?

A prescindere che nel 95% dei casi ti chiamano con numero privato, resta il fatto che quando chiedi infatti di parlare con un responsabile, per capire come e perchè abbiano il tuo nominativo, in genere chiudono la comunicazione oppure, con ulteriore presa in giro, ti mettono in attesa e dopo qualche minuto la “linea cade”.

Guarda la puntata

Enello specifico, alla faccia dei regolamenti dell’Assocontact, ecco l’agenzia che forma gli operatori e l’istruttrice che ribadisce il concetto: “menefreghismo nei confronti di chi ti dice che non vuole più essere richiamato”.

Guarda il servizio

 

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 14 ottobre 2010 da in Consumatori & Utenti, Essere Cittadini attivi. (Diritti & Doveri) con tag , , , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: