Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

La Canalis senza cinture nello spot della Lancia Musa

di Maurizio Caprino

Ma è troppo chiedere al gruppo Fiat di selezionare le agenzie di pubblicità imponendo anche un minimo di competenza sulla sicurezza e l’educazione stradale?

Me lo chiedo dopo aver visto le anticipazioni dei fotogrammi del nuovo spot della Lancia Musa, che stanno facendo notizia perché la testimonial non è più Carla Bruni bensì Elisabetta Canalis.

Perdonate la misoginia, ma a me fa più effetto il fatto che anche la Canalis è ritratta seduta dietro senza cinture e, in offerta speciale, anche col poggiatesta non regolato (sta nella posizione disegnata per non influire sulla visibilità del conducente quando dietro non siede nessuno, una posizione che non solo non protegge, ma dà pure fastidio al collo).

Lo stesso errore fatto per lo spot con Carla Bruni. Il tutto a poche settimane da un altro spiacevole dubbio sorto sulle bambine dello spot della Giulietta.

Mi direte che sono pedante. E, soprattutto, mi farete notare che l’immagine della Canalis potrebbe essere solo un fotogramma di una scena ripresa a vettura ferma, mentre magari nello spot poi la testimonial si vedrà regolarmente allacciata.

Mi auguro che sia davvero così. Ma intanto, che cosa sarebbe costato divulgare un fotogramma in una Canalis con la cintura? Ci vuole così tanto a pensarci?

3 commenti su “La Canalis senza cinture nello spot della Lancia Musa

  1. Pingback: La Classe A della Mercedes non ha le cinture posteriori? | Paoblog

  2. Pingback: Per vendere qualche auto in più, aboliamo le regole…? « Paoblog

  3. Francesco
    11 febbraio 2011

    Ha assolutamente ragione Maurizio Caprino: è così difficile pensare qualche minuto (ma anche ora o giorno: meglio spender tempo a riflettere, ritardando un lavoro, che accorgersi dopo di aver sbagliato) in più per evitare situazioni imbarazzanti?

    Sarò pedante anche io, pazienza: ma sono sempre più convinto che il mondo della pubblicità, senza voler fare ovviamente un unico fascio di erba comunque diversa e ricca di differenze ed eccellenze, è troppo attento a colpire invece che informare.

    Insomma: si privilegia la sensazionalità e non il consumatore, danneggiando anche i prodotti.

    Concludo alleggerendo con toni politicamente scorretti, ma pur sempre rispettosi: potrei fare io da cintura alla Elisabetta? Un mio abbraccio forte forte forte potrebbe sostituirsi a una cintura di sicurezza omologata?

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: