Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

L’insetto nella birra non mi piace, però….

Articolo aggiornato dopo la pubblicazione

Un paio di settimane fa stavo pranzando al Globe bistrot, gustandomi la birra propostami dall’amico Gigi ovvero la Duchesse De Bourgogne* quando ad un certo punto un moscerino ha pensato bene di atterrare nel bicchiere.

(*é obbligatorio uscire un attimo dal tema e parlare di questa birra, fuori dagli schemi, per quel che mi riguarda: La Duchesse De Bourgogne è un’ottima birra ad alta fermentazione che matura in botti di rovere.

Il colore è un bellissimo rosso scuro, la schiuma è fine, persistente e leggermente cremosa; al naso si possono percepire note acetiche ed un forte profumo di frutta, mela su tutti, in bocca è piuttosto dolce con sentori legnosi e di malto.

Il luppolo non fornisce l’amarezza, piuttosto l’aroma speziato ed il finale è lungo, secco e con un ritorno acetico. Una birra da meditazione a metà tra vino e birra.

L’idea di bermi un’insetto non mi allettava, tuttavia era difficile vederlo; ho temporeggiato, bevendo a piccoli sorsi, sino a che ad un certo punto una piccola bolla di schiuma chiara ha dato il giusto contrasto che mi ha permesso di identificare l’intruso che ho ripescato e messo da parte (vivo, peraltro). 😉

Il giorno dopo ho visto un documentario nel quale spiegavano come si ottengono i coloranti alimentari come, ad esempio l’E120 conosciuto anche come carminio o rosso cocciniglia.

La cocciniglia ovvero un animaletto che vive sulle pale delle opunthie (fico d’india) e che si nutre della linfa delle piante, in particolare delle piante grasse.

Solo le femmine di questa specie hanno il pigmento rosso, l’acido carminio, ed in particolare quelle gravide.

Per ottenere quindi la tinta della migliore qualità, bisogna raccoglierle prima che depongano le uova. Per produrre un chilogrammo di colorante occorrono circa 100.000 insetti.

Insetto che viene poi seccato al sole (un eufemismo, secondo me, per non dire che in pratica lo uccidono per insolazione…) e dopo un procedimento che non sto a spiegare, alla fine il concentrato viene diluito con alluminio e carbonato di calcio.

(Articolo correlato: mangiare l’alluminio fa male alla salute)

In sintesi, ecco che un singolo insetto nella birra mi ha creato un moto di schifo, ma a ben vedere basterebbe fare mente locale e pensare cosa mangiamo ogni giorno, in modo spesso inconsapevole (e talvolta colpevole, che è più comodo),  per realizzare che è solo una questione di approccio.

Circa le proprietà del colorante E120 ecco cosa leggo su Trashfood:

Sono stati descritti casi di allergie al colorante E120, probabilmente le responsabili sono le proteine degli insetti. Infatti durante l’estrazione, alcune proteine degli insetti passano nel materiale in percentuali dello 0,5%.

Allo scopo di ridurre le allergie, è stato proposto un metodo per ridurre la presenza delle proteine tramite idrolisi enzimatica. Il processo porta alla rimozione delle proteine con PM maggiore di 6000.

In letteratura sono anche descritti casi di asma occupazionale in operai addetti alla produzione del colorante. La FDA si è pronunciata sulla necessità di “Segnalare nell’etichetta questo additivo e la sua origine in tutte le etichette degli alimenti e i cosmetici per assicurarne un uso sicuro“.

Dove possiamo trovare l’E120?

Ancora una volta mi viene in aiuto l’archivio di Trashfood: per esempio in alcuni hamburger Fileni, in alcuni salumi come questo o questo, perfino nel prodotto Fruttolo, nel Campari (anche se in questo caso ho letto che è stato sostituito con un colorante di sintesi). La Lindt lo usa nei cioccolatini Lindt Passion.

24 gennaio 2023: Così come è successo per il Campari, l’E120 è stato sotituito nella maggior parte dei prodotti anche se, come spiegano in questo articolo: L’abbiamo ingerito per anni – spesso ignari – in cibi rosso-rosati come yogurt alla fragola e orsetti gommosi, aperitivi rubino e succhi di frutta all’arancia. Persino in qualche confezione di carne fresca. Oggi è stato sostituito quasi del tutto da ingredienti sintetici o vegetali, come la barbabietola e la carota nera.  […]

Per contro si legge anche che: L’E120 è risultato innocuo, purché assunto nella dose giornaliera accettabile (dga). Al contrario, il suo alter ego low cost (#dilloinitaliano: a basso costo) e artificiale Poinceau 4r (E124), presente ad esempio nell’Aperol, ha visto abbassare la dga, anche dopo essere finito nella lista nera dello studio di Southampton sui sei coloranti potenzialmente correlati alla sindrome da deficit di attenzione e iperattività nei bambini (ADHD). Lo studio includeva anche la Carmoisina (E122), attualmente presente nel Campari e nei suoi derivati analcolici.

Articoli correlati: A proposito di additiviLeggi l’etichetta e scopri che …

Vogliamo dimenticarci il mistero degli aromi?  – Conoscere le etichette

Patatine light? Joselito, il salame senza nitrito

Additivi alimentari nel pesce Gli additivi alimentari, questi sconosciuti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: