Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Carnitina: quando la carne è troppa o gli integratori ne contengono tanta si favorisce l’accumulo di colesterolo nelle arterie

in sintesi un articolo di Gianna Ferretti che leggo su Il Fatto Alimentare

Una nuova ricerca pubblicata su Nature Medicine rivolge l’attenzione alla relazione tra alimentazione umana, flora batterica intestinale e salute. Il gruppo di ricerca ha valutato il destino della carnitina e i suoi effetti sul metabolismo del colesterolo.

I ricercatori hanno indagato l’effetto della carnitina, un composto azotato presente in diversi tipi di carne, somministrando L-carnitina  a 77 volontari, e registrando come il suo consumo sia in grado di aumentare i livelli ematici di trimetilammina-N-ossido (TMAO).

Tale sostanza ha un effetto sul metabolismo del colesterolo, in particolare ne rallenta la rimozione, favorendone l’accumulo sulle pareti delle arterie (nel 2011, lo stesso gruppo di ricerca aveva collegato la formazione di TMAO anche all’apporto di lecitina, molecola molto diffusa negli alimenti).

I ricercatori hanno ipotizzato che un’assunzione regolare di carne favorirebbe la crescita di batteri intestinali in grado di trasformare la L-carnitina in TMAO.

I risultati  dovrebbero far riflettere non solo gli amanti della carne, ma le persone abituate ad assumere prodotti e integratori contenenti L-carnitina che promettono la perdita di peso o il miglioramento delle prestazioni atletiche, il più delle volte senza evidenze scientifiche.

La molecola non proviene solo dalla dieta, ma è presente nel corpo umano soprattutto nei muscoli scheletrici e nel cuore e viene sintetizzata dal nostro organismo nel fegato e nei reni a partire da due aminoacidi, lisina e  metionina, in presenza di vitamine B6, vitamina C e ferro.

La carnitina svolge un ruolo importante nel metabolismo ossidativo degli acidi grassi poiché permette il loro trasporto attraverso le membrane dei mitocondri.

L’apporto medio con la dieta varia tra i 60 e i 180 mg al giorno in funzione della dieta; i livelli nei diversi alimenti sono riassunti nella tabella (per consultarla clicca sul link in apertura del post.)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: