Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Impatto ambientale: ecco come ridurlo anche a lavoro

Scegliere di adottare uno stile di vita più sostenibile e rispettoso nei confronti del Pianeta è un impegno che non può essere relegato entro i confini delle proprie mura domestiche.

Di seguito i 10 consigli elaborato da InfoJobs.it:

Clima: prestare attenzione alle temperature degli uffici, che non devono essere troppo elevate o troppo basse, evitando la regolazione massima degli impianti di condizionamento o riscaldamento.

Mezzi di trasporto: prediligere, quando possibile, i mezzi a basso impatto inquinante come il treno o i mezzi pubblici, sia per raggiungere la sede di lavoro, sia per le trasferte aziendali.

Digitalizzazione: creare archivi digitali per un’organizzazione paperless (paper less? scrivere senza carta non era possibile?) ed evitare così lo spreco di carta, riducendo anche la mole di ingombro in ufficio.

Stampante: ricorrere a questo strumento solo se è necessario e controllare sul pc l’anteprima prima di avviare la stampa. L’impostazione della stampa fronte-retro permette di abbattere la quantità di carta utilizzata.

Frigoriferi: regolare la temperatura dei frigoriferi sui 3°- 5°: temperature più basse comportano infatti sprechi di energia e alterazione degli alimenti stessi.

Cancelleria: comprare carta in fibre riciclate, matite colorate invece degli evidenziatori e biro, bianchetti che non contengono solventi. Al posto dei classici bloc-notes è possibile riciclare le vecchie stampe e riutilizzarle come fogli per gli appunti.

Luce e elettricità: sfruttare la luce solare il più possibile. Quando si esce dall’ufficio spegnere le luci, pc e l’interruttore a monte della spina. Impostare la modalità stand-by del pc invece che il classico screensaver (ovvero salvaschermo …) contribuisce a risparmiare energia elettrica.

Rifiuti: la raccolta differenziata, sempre e comunque. Affiggere delle piccole guide vicino ai bidoncini spiegando quali materiali sono da riciclare e in quale categoria.

Arredamento: prediligere mobili ufficio in materiali riciclati o riciclabili, verificando inoltre l’assenza di sostanze pericolose come nichel, cadmio, sostanze cancerogene.

Coffee break: utilizzare tazzine e bicchieri tradizionali al posto dei bicchierini usa e getta e zucchero sfuso invece delle bustine.

(Coffee break? chiamarla Pausa caffè no?)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: