Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Quelle strisce bianche sulla strada, le avranno tracciate per un motivo

mi scrive Francesco

Segnaletica_orizzontaleUna nota a margine partendo dalla tua nota a margine sul post di sabato e, più o meno, tornando sul resto.

Ieri in tarda mattinata sono andato a Formia, utilizzando la Golf di mia mamma.  Da casa mia sono 9-10 chilometri, devo oltrepassare Gaeta passandola dall’esterno, arrivare a Vindicio, frazione sul mate tra Gaeta e Formia e poi prendere un incrocio sulla statale per entrare nell’abitato di Formia.

A questo incrocio, vedo che il semaforo per svoltare verso l’abitato, anziché proseguire dritto direzione Napoli, è giallo e mi fermo.

Dietro di me una Citroen C1 rossa: vedo che si ferma, ma fa di tutto per cercare di inserirsi a sinistra e proseguire dritta, direzione Napoli, dove il semaforo è verde; in pratica si è inserita nella corsia sbagliata: abitudine?

È rimasta spiazzata dal mio “regolare” comportamento?

Non ci riesce, perché il flusso di auto glielo impedisce; stando fermo guardo dal retrovisore: è una ragazza “alternativa” che guida parlando al telefono, mentre telefona prova a scartarmi a sinistra per reinserirsi sulla corsia che continua dritta in direzione Napoli mentre il ragazzo “alternativo” che le siede accanto senza tanta convinzione prova a dissuaderla…

Insomma: questa continua a telefonare guidando e per poco non combina un incidente: ecco come, a volte, avvengono.

°°°

Il racconto di Francesco integra al meglio un post scritto tempo fa e che proprio in questi gioni volevo riprendere in mano, agganciandomi a questa foto…

DCIM100MEDIA

nella quale si vede un autocarro, tutto sulla sinistra, che di fatto ha impegnato la corsia per la svolta continua (a sinistra), se non fosse che prosegue diritto. Nei giorni con maggior traffico, così facendo andrebbe ad incrociare il percorso dei veicoli che correttamente procedono sulla corsia centrale delle tre, per poi confluire in quella a sinistra, per chi dovrà impegnare la rotonda successiva.

Invece no. Mentre tu cercherai di portarti a sinistra, senza mettere la freccia, in quanto non è un cambio di corsia, ecco che arriverà, sempre lanciato, il furbone di turno, che si arrabbierà pure perchè secondo lui gli hai tagliato la sgtrada, quando invece è l’esatto contrario.

Ormai ho imparato, non voglio fare un incidente per principio, ma non mi piace neanche dover cedere sempre il passo agli incivili, per cui se ci sono gli spazi per farlo, senza a mia volta infastidire chi guida correttamente, ecco che resto sulla mia corsia, ma leggermente a sinistra, quel tanto che basta per impedire al furbone di tirare dritto

Resta il fatto che invece che strisce dipinte ci vorrebbero dei muretti di cemento.

Quando sali in auto, accendi il cervello prima del motore.

4 commenti su “Quelle strisce bianche sulla strada, le avranno tracciate per un motivo

  1. Pingback: Prevenzione, vigili, utopie… | Paoblog

  2. Pingback: La segnaletica intelligente su gallerie e grandi autostrade è ancora incompresa | Paoblog

  3. Fedifrago
    5 giugno 2013

    Conosco bene l’incrocio della foto, abitavo in zona sino all’anno scorso. La maleducazione stradale (da molti intesa come furbizia) richiederebbe un tono da almeno 600 pagine; io passo in auto circa 1/3 della mia giornata lavorativa, ed ho notato un progressivo aumento di comportamenti pericolosi ed indifferenti.

    Solo per citarne una, tra molti, è il fatto che oramai solo un automobilista su 10 usa le frecce (indicatori di direzione, ci sarà un motivo per cui li chiamano così), non solo in città ma anche su tangenziali ed autostrade; gli altri 9 obbligano chi arriva all’uso della sfera di cristallo per intuire l’intenzione di sorpassare o cambiare corsia.

    • paoblog
      5 giugno 2013

      Con uno giusto mix di denuncia ed ironia, tempo fa scrivevo che: A Milano gli automobilisti (non tutti, ma una gran parte) stanno reinventando il Codice della Strada.

      Sarebbe bello dire che si scherza se non fosse che è tutto vero.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: