Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Niente bollo (dal 2016?) per chi cambia l’Euro 3 diesel, tuttavia…

In questi giorni si legge che la Regione Lombardia è intenzionata ad esentare dal pagamento del Bollo chi cambierà un’auto Euro 3 diesel con una nuova.

Sappiamo bene che in Italia così come le tasse Una tantum diventano poi perenni, mentre le esenzioni di lungo termine devono sempre fare i conti con il Governo che verrà, tuttavia non sono riuscito a capire se l’esenzione sarà per sempre come sembra da quanto si legge oppure solo per un anno o più.

Io ho un’Euro 3 diesel, e mi piacerebbe cambiarla, ma non è certo un risparmio una tantum di 180 € che mi incentiva a fare la spesa necessaria per cambiare l’automobile;  anche se fosse per sempre, in 10 anni sarebbero meno di 2000 €.

In ogni caso questa esenzione entrerà in vigore nel 2016, ma si valuta l’anticipo al 2014, se ci sarà copertura finanziaria, cosa questa di cui dubito fortemente, visto come si attaccano a tutto pur di farci pagare sempre più, dandoci sempre meno.

Quello che mi lascia perplesso, però, è il fatto che nei piani della Regione vi sia anche l’intenzione di mettere fuorilegge le Euro 3 diesel (impedendogli di circolare) a partire dal 2015-2016 ovvero nel periodo previsto per in mini-incentivo a cambiare auto.

Mi chiedo quindi dove sia lalogica nell’annunciare l’esenzione dal bollo per chi cambierà l’Euro 3 diesel, se nelmedesimo tempo se ne bloccherà lacircolazione, costringendo quindi il cambio dell’automobile.

A questo punto non sarebbe meglio studiare degli incentivi regionali per far si che da subito e fino al 2016 le Euro3 diminuiscano sempre più?

Magari adottando lo schema che adottano in Francia, dove (a quanto ho letto su Quattroruote) vige da tempo un sistema Bonus-Malus per quanto riguarda l’acquisto delle automobili.

Chi acquista un’auto con emissioni di CO2 inferiori a 106 g/km. ha diritto un bonus da 200 a 7000 € (quest’ultimo per le elettriche) e chi invece sceglie una vettura oltre questa soglia pagherà una maggiorazione di rpezzo da 100 a 6000 € (quest’ultima per le auto che superano i 201 g/km.)

Non è difficile credere (e capire) che sia un sistenma che funziona, infatti le vendite di automobili incentivate sono aumentate del 50% (il 35% sul totale). E crescono le ibride, che beneficiano di un contributo di 4000 €.

Quindi, detto in parole semplici in modo che i nostri politici capiscano (forse):

1 – Meno auto vecchie, percolose, sulle strade e quindi più sicurezza.

2 – Meno consumi = meno inquinamento e miglioramento della qualità della vita con riduzione (nel tempo) dei costi sanitari specifici.

3 – Maggiori immatricolazioni, quindi più passaggi di proprietà.

4 – Meno crisi per il settore, meno disoccupati, meno oneri sociali.

Ovviamente gli incentivi regionali dovrebbero essere impostati meglio di quelli nazionali… 😉

4 commenti su “Niente bollo (dal 2016?) per chi cambia l’Euro 3 diesel, tuttavia…

  1. Pingback: Strano modo di “tagliare i costi” a Milano | Paoblog

  2. Morbida Dolcezza
    10 settembre 2013

    Allora mi devo proprio mettere nell’ottica di cambiare macchina…

    pensa che ho scoperto da poco che non posso circolare neanche a Bollate che è ad 1 km da casa mia. Ignoravo completamente questo divieto,

  3. Pingback: Ho l’auto vecchia e mi volete fare pagare più pedaggio in autostrada? | Paoblog

  4. Pingback: In Francia meno incentivi, in Italia gas meno conveniente | Paoblog

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: