Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Un libro per “il giorno della memoria”: Ballando ad Auschwitz

index

Cresciuto in una devota famiglia cattolica nei Paesi Bassi, Paul Glaser, già adulto, scopre di avere origini ebraiche. Turbato da questa rivelazione casuale, Paul cerca di capire cosa è successo alla sua famiglia durante la Seconda guerra mondiale, il motivo di un silenzio così lungo sulla propria identità, e il motivo della misteriosa frattura fra suo padre e Rosie, zia di Paul.

Rosie Glaser, ebrea non praticante, è una donna magnetica, sensuale, esuberante, astuta, innamorata del ballo che neppure quando i nazisti prendono il potere si spaventa, e anzi apre una scuola di ballo nell’attico dei suoi genitori, naturalmente illegale.

Tradita dagli uomini di cui si fidava, arrestata dalle SS, finisce ad Auschwitz. Nel campo di concentramento è determinata a sopravvivere, utilizzando tutti i mezzi a sua disposizione, anche la sua passione per il ballo, anche la sua capacità seduttiva, messa a dura prova negli stenti cui è costretta.

Delle milleduecento persone che sono arrivate con lei ad Auschwitz, solo otto sono sopravvissute.

E tra loro c’è Rosie. Illustrato da una ricca selezione di foto, “Ballando ad Auschwitz” è insieme la cronaca di una indagine e di una scoperta che cambiano la vita di un uomo, Paul Glaser; è anche il ritratto di una donna straordinaria, segnata dall’amore, dal tradimento e dal coraggio.

Un commento su “Un libro per “il giorno della memoria”: Ballando ad Auschwitz

  1. Madamin
    27 gennaio 2014

    deve essere bello questo libro, credo che lo prenderò.

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: