Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Un libro: Si fa presto a dire Adriatico

di Fulvio Ervas

Marcos y Marcos – Pagg. 325 – € 17,00 > in vendita ad € 7,00  + spese spedizione

Si fa presto a dire Adriatico - € 5,00

Trama: Onde azzurre dell’Adriatico, calamari fritti e birra rossa; l’ispettore Stucky ha desiderio di distanza. In sella alla sua Morini, ricama la costa croata, negli occhi isole di sughero, cocci di terre frantumate. Lungo la strada un guizzo, occhiali nerissimi, perla all’orecchio: ah, le donne. Certe donne. Lei si chiama Ajda e lo scorta in un campeggio naturista; se ne va con la promessa di tornare.

Senza costume, è più facile abbandonarsi ai racconti che si scambiano i corpi, seguire i balzi sulla sabbia di Argo, il cane salsiccio, l’animale più fiducioso che ci sia. Contemplando paradisi di curve senza silicone, Stucky aspetta il ritorno della bella. Sarebbe tutto perfetto, ma non dura: anche il sole di Croazia ha la sua ombra. Un delitto irrompe nel suo sogno di vacanza.

La corda appesa alla trave delle docce è incrostata di sabbia, di salsedine. Sa di mare aperto, vele al vento, scorribande notturne. Ante Latinski, il commissario incaricato delle indagini, ha scritta sulla faccia la malinconia di Vukovar. Non lo vuole tra i piedi, questo poliziotto italiano. Il morto è un Boscolo, però, e aveva la parlata di Chioggia. Com’è finito a farsi impiccare sul lato B dell’Adriatico?

Stucky non ce la fa, a tirarsi indietro. Ispettore clandestino in terra straniera, rivolta cameriere, nudiste triestine, motoscafi troppo veloci. Senza distintivo, è più facile tuffarsi anima e corpo in questa storia di pesca abusiva, documenti che scottano, arrembaggi, tradimenti.

Letto da: Paolo

Opinione personale: Il fatto stesso che abbia letto tutti i precedenti libri con l’Ispettore Stucky, potrebbe deporre a sfavore della mia obiettività, tuttavia anche in questo caso l’indagine vacanziera dell’ispettore risulta piacevole, anche se bisogna prestare attenzione con i troppi Boscolo presenti che ogni tanto ti costringono a fermarti per fare mente locale. Simpatico l’arrivo del salsicciotto Argo, con annessi e connessi.

Dello stesso autore ho letto anche: Finchè c’è Prosecco, c’è speranzaBuffalo Bill a VeneziaCommesse di TrevisoPinguini arrostoL’amore è idrosolubile

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: