Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Il viadotto della strage riapre con un incidente. Ma stavolta sono tutti salvi: perchè è stato messo a norma

di Francesco Mignano Comunicazione Visiva

di Francesco Mignano Comunicazione Visiva

di Maurizio Caprino

Non capita nulla di eclatante per anni. Poi una strage da 40 vittime, cui segue una chiusura di nove mesi.

E, poche ore dopo l’agognata riapertura, di nuovo un incidente dello stesso tipo di quello che ha causato la strage: un mezzo pesante rimasto senza freni.

Ma non è finito in tragedia perché la strage ha fatto scoppiare il bubbone e adesso il guard-rail e il cemento su cui è fissato non possono che essere perfetti.

E’ successo ieri sul viadotto Acqualonga dell’autostrada A16, presso Avellino, finito su tutte le prime pagine l’estate scorsa e dimenticato ben presto.

Bisognerebbe capire se il mezzo pesante che ha avuto l’incidente ieri, un camion, abbia potuto perdere velocità prima dell’impatto col nuovo guard-rail (il viadotto si trova dopo una lunga discesa che finisce con una curva non semplice) e se fosse carico o no.

Nel caso velocità e carico fossero considerevoli come probabile, per la nuova barriera il collaudo “sul campo” sarebbe davvero probante: i camion carichi pesano ben più dei bus come quello che invece è precipitato il 28 luglio 2003.

E sarebbe chiaro a tutti che lavori pubblici fatti con scrupolo fanno davvero la differenza, al netto del fatto che le vittime potenziali di un camion (sui cui a bordo possono esserci al  massimo due persone) sono molte meno di quelle di un bus (60 posti, più o meno).

E’ il destino, direte voi. Tanto più che nelle stesse ore tornava finalmente a casa dopo l’incidente del 28 luglio 2013 una bimba di tre anni che ha passato tutto questo tempo in vari ospedali, con i genitori anch’essi feriti che finora l’hanno assistita come hanno potuto, affidando per lunghi periodo il fratellino (ferito meno gravemente) alla zia.

Sofferenze che troppo rapidamente sono sparite dalla nostra attenzione e che invece dovrebbero quantomeno essere di esempio su cos’è davvero un incidente.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: