Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Un libro: Il maestro dentro. Trent’anni tra i banchi di un carcere minorile

xl43-maestro-140404154204_medium.jpg.pagespeed.ic.3duv-Gwdph

Mario Tagliani è un maestro dentro. Non perché a portarlo verso questo lavoro sia stata una sorta di vocazione mistica, o di predisposizione naturale. No, Mario è un maestro dentro nel senso che insegna ai giovani che stanno in carcere.

Ha iniziato un po’ per caso, un po’ per passione, un po’ per amore. Negli Anni 80 è arrivato a Torino, ha vinto un concorso pubblico, ed è entrato in una scuola mettendosi per la prima volta dietro la cattedra.

A dargli gli alunni che ha avuto per 30 anni, è stata la sua direttrice: «Che ne pensa del Ferrante Aporti, il carcere minorile della città?».

Così è cominciata la sua storia, che continua ancora oggi. Una storia che racconta il mondo dell’istruzione da una prospettiva diversa, quella di chi, ancora giovane, ha già qualcosa da farsi perdonare, e una nuova vita da ricominciare.

Un viaggio emotivamente impegnativo, fatto di rabbia, amarezza, sconfitte, ma anche vittorie, successi e sorrisi. Prefazione di Fabio Geda.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 25 aprile 2014 da in L'angolo dei libri - Le nostre segnalazioni con tag , , , , , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: