Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Un libro: Europa o no. Sogno da realizzare o incubo da cui uscire

xl43-euro-140424160439_medium.jpg.pagespeed.ic.2_A_p564Qp

C’era una volta il sogno europeo. Quello dei trattati di Roma, Maastricht e Schengen, della libera circolazione di persone e capitali, di un’Unione monetaria e commerciale che sapesse avere un forte significato politico.

La crisi economica ha trasformato quel sogno in incubo, facendo finire l’euro sul banco degli imputati, mettendone in discussione l’utilità e rendendolo oggetto di critiche e accuse.

Ma cosa è l’Unione europea? Un bene a cui tendere o un male da estirpare? Una risorsa da salvaguardare o un progetto fallito da accantonare?

Luigi Zingales spoglia l’argomento dagli ideologismi, esce dall’ottica del fanatismo europeista e da quella dell’antieuropeismo che prende sempre più piede. E prova a riportare l’Ue in una dimensione diversa: non più un fine ma il mezzo attraverso il quale raggiungere pace e prosperità.

Al di là della critica di un’istituzione nata per legittimare il dominio di Francia e Germania sul Sud dell’Europa, Zingales vede l’opportunità di una riforma che renda l’Ue qualcosa di diverso e migliore. Perché la crisi non è colpa dell’euro, e non si può risolvere abbandonando la moneta unica.

* Potrebbero interessarti anche questi: Bolle, balle,sfere di cristalloLa rivolta del correntista –  C’era una volta la crisi – Consiglio anche la visione di questa puntata di Mizar dove l’economista Becchetti spiega al meglio la sua visione economica che, sempre da uomo della strada, condivido in pieno.

Un commento su “Un libro: Europa o no. Sogno da realizzare o incubo da cui uscire

  1. Pingback: Tra mezz’ora vado a votare, ho deciso per chi, però… | Paoblog

I commenti sono chiusi.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 24 maggio 2014 da in L'angolo dei libri - Le nostre segnalazioni con tag , , , , , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: