Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Etica & coerenza ovvero sono migrato da Esselunga a Coop…

post aggiornato dopo la pubblicazione

Tempo fa ho scritto un post dedicato al risultato dell’inchiesta di Altroconsumo sull’Etica dei supermercati, che vedeva Esselunga aggiudicarsi un Pessimo e Coop in testa alla classifica.

Al mondo Coop mi sono avvicinato in maniera differente da altri, ritengo, ovvero prima sono migrato in CoopVoce con tutte le Sim familiari per scappare dalla scorrettezza Vodafone ed infatti ho trovato un gestore corretto, trasparente e, perlomeno per me, conveniente.

Tornando al supermercato, l’Etica è per me un valore importante, per cui ne ho parlato alla Signora K che condivide le mie opinioni ed abbiamo deciso di provare la Coop per alcune volte, dopodichè prendere una decisione.

I veri vantaggi dell’Esselunga sono pratici ovvero è più vicina, ha un parcheggio più grosso, incluso quello coperto, utile in inverno ed ha un assortimento maggiore. L’ambiente è decisamente meno luminoso alla Coop, e risulta quasi cupo rispetto ad Esselunga, tuttavia meno spreco di luce sarà equivalente a minor uso di energia e quindi con un minor impatto ambientale.

C’è meno personale a quanto ho notato, ma non vi sono buchi sugli scaffali che sono sempre ben riforniti. Per quanto riguarda i panini integrali, la Signora K preferisce quelli di Esselunga, ma nel contempo anche se l’assortimento è minore, anche per i dolci, nel complesso va bene così.  Tanto meno dolci mangiamo e meglio è. 😉

Per quanto riguarda la distanza maggiore da casa abbiamo risolto pianificando la spesa con altri spostamenti, il parcheggio alla fine è un problema di comodità facilmente superabile e quello dell’assortimento ha aperto un’altra porta, sempre collegata all’Etica.

E’ sufficiente soffermarsi un attimo pensando che talvolta siamo indecisi sul cosa acquistare per le troppe possibilità di scelta che abbiamo, quando ci sono persone nel mondo che non hanno neanche una scelta; è una questione  di approccio e basta pensare quanto sono fortunato a poter mangiare tutti i giorni, per trovare il giusto prodotto.

Andando sul concreto, ho notato che i prezzi sono ondivaghi ovvero ho memorizzato alcuni prezzi ed ho poi verificato all’Esselunga che certe cose costano di più, altre di meno, soprattutto per i prodotti confezionati,  ma anche in questo caso è sufficiente acquistare con logica, senza cedere all’istinto consumistico, sfruttando al meglio le offerte ai soci*.

Secondo la Signora K, il pesce è più buono rispetto a quello dell’Esselunga, anche se il banco del fresco è meno fornito, tuttavia nei surgelati ha trovato alcuni ottimi prodotti (trancio di salmone selvaggio, la coda di rana pescatrice); per quanto riguarda la carne abbiamo notato una buona offerta di carni bianche (pollo e coniglio), e per le carni rosse anche qui, come all’Esselunga, c’è quello che per me è un problema ovvero troppi Paesi in ballo; preferisco la filiera corta.

Leggevo tuttavia in un articolo de Il Fatto Alimentare che la catena di supermercati Coop da molti anni adotta un sistema di controllo che oltre al controllo istologico sui capi prevede il prelievo di sangue e urine nella stalla e in alcuni casi anche al macello per un totale di oltre 1.000 ispezioni e 66.000 analisi.

Il discorso si replica nei formaggi e latticini, così come nei prodotti pronti; mi soddisfa la varietà di prodotti Bio, a prezzi più alti per il latte, ma inferiori nei biscotti ed allineati per i formaggi o yogurt.

Mi trovo invece in difficoltà con certi vini che, in ogni caso, sono più cari, a parità di posizionamento; nella norma l’assortimento di birre, anche se ad esempio mancano certe chicche tipo la Kwak, ma ho risolto inserendola nella spesa che mia mamma fa online.

Nello specifico, per quanto riguarda il vino, sono due settimane che sbaglio il Lambrusco, ma azzecco il Prosecco. 😉

Per quanto riguarda l’olio extravergine di alta gamma, preferisco andare appositamente all’Esselunga che ha un angolo dedicato e cogliendo al volo le offerte si riesce ad acquistare olii degni di nota ad un prezzo ragionevole.

Un aspetto seccante è il fatto che le cassiere del punto vendita Coop dove vado io parlino un pò troppo ovvero si distraggono con i clienti abituali e ci sono poi dei disguidi, tipo il passare male la Tessera socio e di fatto su uno scontrino ho perso punti e sconti riservati, accorgendomi quando ormai ero a casa. Ora ci sto attento da subito.

Mi sta bene il personale cordiale, ma non deve andare a discapito della professionalità.

Ad onor del vero il problema delle cassiere distratte l’ho incontrato anche all’Esselunga dove, nonostante si chieda ripetutamente di scontare i punti, nella maggior parte dei casi chiudono lo scontrino senza applicare lo sconto. In ogni caso delle due distrazioni preferisco la seconda, perchè i punti non scalati li posso sempre scalare in futuro, ma quelli persi… 😦

Ultimo aspetto da considerare sono i punti sulla spesa; all’Esselunga se sul catalogo c’è qualcosa che serve veramente, lo si prende con i soli punti, sennò convertiamo i punti in buoni spesa, però Esselunga equipara 1000 punti a 10 €.

Alla Coop invece ho attivato l’autoricarica della mia Sim ed ogni 250 punti ricevo 5 €. I conti sono presto fatti ovvero 1000 punti Coop valgono 20 € reali contro i 10 € di Esselunga.

* Per avere la tessera i soci pagano 25 €, rimborsabili se si decide di recedere.

Servizi aggiuntivi: Esselunga permette di fare la spesa online e farsela recapitare a casa senza addebito per i disabili, con € 3,45 per chi ha più di 70 anni, previa autorizzazione da gestire online ed infine al costo di € 7,90 (€ 6,90 sopra i 110 €) per gli altri.

Sono riuscito a convincere mia mamma a fare la spesa online, mesi fa, ed ora la fa settimanalmente, salvo dover integrare qualche cosa nel piccolo super in zona oppure alla Coop.  Tranne qualche sbavatura nei prodotti consegnati (in scadenza il giorno dopo, ad esempio) il servizio è buono.

Sia Esselunga che Coop offrono il pagamento alla cassa dei bollettini, ma i costi sono differenti; Esselunga fa pagare € 1,50 e Coop 1 € che per i soci si riduce a 50 cent.

Per quanto riguarda i prodotti collegati all’essere Soci Coop, ho trovato interessante  il Libretto di deposito che offre interessi bassi, ma sicuramente remunerativi rispetto a quelli delle banche; la mia banca offre uno 0,25% lordo e quella della Signora K fa meglio ovvero un bel 0%. Mio padre lo ha già aperto ed io lo farò in futuro…

Ho avuto modo di verificare tempo fa che comunicare con l’Esselunga non è facilissimo ovvero devi essere registratio al sito e/o accedere con la tessera Fidaty

Screenshot 2014-06-26 15.37.09

in ogni caso, ho toccato con mano che se il sito Esselunga a casa offre risposte esaustive, dal sito Esselunga non mi è arrivato nessun riscontro ad una lamentela prima e ad una richiesta di informazioni dopo.

Per quanto riguarda la Coop ho visto che sul sito c’è un indirizzo email e numero di telefono per i contatti, disponibili quindi senza registrazioni o altro.

Screenshot 2014-06-26 15.40.02

Alcuni anni fa ho inviato una lamentela conto terzi a Coop senza avere nessuna risposta; nel caso avessi ancora necessità in tal senso, aggiornerò il mio giudizio.

 

 

 

18 commenti su “Etica & coerenza ovvero sono migrato da Esselunga a Coop…

  1. Gennaro
    6 agosto 2014

    Coop o esselunga questo è il dilemma.. io per nonfar torti a nessuno compro sia a destra che a sinistra..certi prodotti sono meglio in un una e certi altri all’altra.. forse a livello di prezzo è più conveniente esselunga..ma non saprei dirlo con esattezza

  2. Frank
    17 luglio 2014

    ottima memoria……..è un duplicato di pensiero è vero………però stavolta è settoriale,cioè taccio solo sulla parte “finanza”……poi si sa mai…..su Esselunga allora come adesso non ho taciuto……sulla finanza invece è abbastanza certo.

  3. paoblog
    17 luglio 2014

    |tant’è che taccio x sempre.|

    questa l’ho già letta 😀

  4. Frank
    17 luglio 2014

    Era questa la tua frase che mettevo in discussione

    ” I conti sono presto fatti ovvero 1000 punti Coop valgono 20 € reali contro i 10 € di Esselunga.”

    Solo che che 1000 Coop valgono 2000 Esselunga quindi diventa 20 a 20 e non 20 a 10…..E solo per la ricarica badabèn……Per il principio che senza l’esatto valore di concambio l’entità 1000 è meramente fittizia…….

    Sulla parte finanziaria invece…….lungi da me fare i conti in tasche altrui……tant’è che taccio x sempre.

  5. Paoblog
    17 luglio 2014

    ho detto che i punti sono equivalenti?

    Come tu stesso precisi: “Il caso specifico della ricarica è un caso particolare ovviamente,per effetto del fatto che coop fà valere doppio il valore dei punti ( 250 = 5€ ) è l’unico caso per il quale il valore diventa perfettamente equivalente! ”

    Ed infatti è quello che ho detto, dato che il post si riferisce, nel bene e nel male, alle mia esperienza, non intende essere il verbo assoluto.

    Circa la parte finanziaria, assolutamente marginale nel post, io non faccio i conti in tasca a te, tu non farli a me.

    Io ho appena preso il saldo dello stipendio di febbraio, credi che abbia soldi da investire in Btp o quelo che vuoi?

    Oppure che abbia solo la possibilità di accantonare qualche Euro ogni tanto?

    Ed in tal caso è meglio metterli sul c/c allo 0,25% lordo oppure sul Libretto Coop con una maggior remunerazione?

    Ed il post è in aggiornamento continuo, dato che ogni spesa che passa, ovunque sia fatta, aggiunge un tassello…

  6. Frank
    17 luglio 2014

    hai aggiornato il post……ottimo……con gli stessi errori però……la matematica non è un’opinione…….1000 punti coop equivalgono a 2000 punti fragola esselunga…….ma è ovvio,se coop dà 1 punto ogni € di spesa mentre esselunga ne dà 2 come fai a renderli equivalenti?????? Il caso specifico della ricarica è un caso particolare ovviamente,per effetto del fatto che coop fà valere doppio il valore dei punti ( 250 = 5€ ) è l’unico caso per il quale il valore diventa perfettamente equivalente! l’UNICO. Equivalente ho detto,solo equivalente.E non mi dire che da Esselunga fai spesa sempre entro i 4,99€ per cui non fai punti fragola…..ma ti dirò di più: è perfettamente calcolabile quanto incidono quei 5€ esenti sulla spesa,è personalizzato il calcolo ovviamente,dipende da ciascuno…..Riflettici,poi se vuoi darmi torto perchè io sono un signor nessuno ma non mi venire a dire cose che la matematica proprio smentisce de facto,se coop raddoppia il valore dei punti delle ricariche vai semplicemente a pari con Esselunga,nulla più…….E già che ci sei rifletti pure su dove investire i soldi,lo 0,25 è un valore infimo,personalmente,ma sarà perchè sono del settore,ho comprato un bel btp del ’37 lo scorso dicembre intorno i 91……vuoi sapere il valore odierno???? 105,44……tu dirai “ma sono mica matto a comprare un trentennale”….e io ti dico “posto che un trentennale si può vendere anche un minuto dopo averlo comprato,non si può trascurare sia l’alto interesse (4%) che rende sia l’esile tassazione cui è soggetto (12,5%)”…..perlomeno io non trascuro,gli altri se la vedano un pò con la loro matematica!

  7. Morbida Dolcezza
    28 giugno 2014

    C’è da dire che negli ultimi tempi da Esselunga la qualità di frutta e verdura è scaduta decisamente…

    dovrò decidermi a fare come te ed acquistare da Cortilia

  8. Frank
    6 giugno 2014

    Toro Ass…..molto efficienti e rapidi……e te l’ho detto…….al massimo arriverei a 26-28€ di risparmio di sola Rca con le compagnie telefoniche…….ma con la kasko-collision in offerta speciale per clienti virtuosi staccano tutti……che poi se ci pensi è un attimo il concorso di colpa in un incidente in Italia o fuori che sia……io ho avuto auto sostitutiva gratis poche ore dopo l’incidente ed è tornata la mia come nuova in 5 giorni…..

  9. paoblog
    6 giugno 2014

    il Cap conta, certo, ma se a parità di Cap la differenza è di 330 € tra la tua compagnia attuale e quella vecchia…

    e la tua compagnia è…. ?

  10. Frank
    6 giugno 2014

    Quest’ansia dell’ Rca….uh ma l’ho detto anche al mio collega,più delle compagnie vale il cap di residenza,il mio che inizia con 15…(prov AL) vale oro rispetto a un 16…(GE) tanto x dire.Pago 510€/anno con kasko collision (utilissima anche per incidenti con ragione fuori Italia,in pratica anticipano e con la controparte se la vedono loro)per una grande punto td,sono in classe di merito massima e non muoverei un dito per cambiare compagnia……Anche perchè se mi muovessi la mini-kasko ovunque sarebbe proposta a prezzi diversi posto che magari la sola parte Rca possa portare a un qualche risparmio.In pratica la mia compagnia, e l’ha fatto proprio perchè sono un buon cliente,mi ha offerto la kasko sotto le quotazioni di mercato,è stato quello l’incentivo al cliente virtuoso.E combinazione a me serve per sentirmi più tranquillo all’estero e l’ho pure utilizzata con la ragione dalla mia……Loro hanno speso nulla,al massimo si sono fumati 60 giorni di valuta su 4mila€,io non ho mosso un dito dopo il tamponamento……Andiamo d’amore e daccordo io e la mia compagnia………

  11. paoblog
    6 giugno 2014

    il titolo si rifà al mio tentativo di essere coerente con il mio obiettivo di perseguire una certa Etica, sia personale, sia lavorativa, per cui sarebbe oltremodo ipocrita invitare tutti a fare scelte etiche, seppur scomode, e poi invece agire diversamente.

    Quindi Paoblog si è realmente trasferito in Piemonte, pur non avendo nulla da dire sulla qualità di vita della Lombardia. (ed è solo una metafora perchè la realtà sulla regione d’eccellenza è ben diversa)

    Come detto divido i due aspetti della questione: “assortimento, abitudine, comodità” da una parte e “approccio all’inchiesta” dall’altro.

    Nell’altro post ho sicuramente parlato degli sconti Esselunga/Q8 in termini favorevoli, seppur con importi/quantità ben diversi 😉 a conferma del fatto che preferisco un vantaggio economico che arrivi fra un accordo fra due società (ritengo che tra Q8 ed Esselunga nessuno si sia imposto sull’altro, vanedo da guadagnarci entrambi, viste le file alle casse prima ed al distributore dopo) piuttosto che una settimana a prezzi ribassati al 50% dove lo sconto lo paga il fornitore, già strozzato a prescindere dalla Gdo.

    Non vedo traccia di speculazione nell’approffittare delle offerte delle compagnie telefoniche, piuttosto ci sarebbe da dire sul fatto che a te offrono a 100 quello che agli altri fanno pagare 1000 (un pò come fanno le assicurazioni che penalizzano i clienti fedeli e virtuosi ed invece incentivano i nuovi clienti….) ma come io corro dietro alle polizze Rca migliori, va da sè che tu abbia fatto lo stesso con le Sim…

  12. Frank
    6 giugno 2014

    premessa….La mia natura e indole è estremamente ironica,non avere particolari problemi di lavoro o economici aiuta poi a pensare il superfluo,ciò a dire che quanto andrò a scrivere non ha nulla di scherno,è una sdrammatizzazione di tutto il nostro dialogo…..ok vado…….

    Se io analizzo l’intera struttura di questa pagina è come se,aprendo il giornale,trovassi scritto a tutta pagina ” NOVARA E VERCELLI ANNESSE ALLA LOMBARDIA”……uhhhh titolone,aspetta che leggo……e cosa trovo alla fine????? ” ……”MA PER ADESSO RESTANO IN PIEMONTE”. Metaforicamente è la rappresentazione di “Etica & coerenza ovvero sono migrato da Esselunga a Coop…” (annessione alla Lombardia) cui fà da contraltare “In ogni caso non ho mai detto di essere scontento del servizio offerto da Esselunga” (restano in Piemonte). Nulla di grave comunque,comprendo benissimo,del resto in un altro post parli degli sconti Esselunga/Q8 che sono sempre uno sballo notevole,irrinunciabili direi,per stoccare 440€ di gasolio in 5 settimane ( vado a ricordi,mi pare fosse così ) di cui 110 gratis sono dovuto ricorrere alle taniche!

    Tra l’altro devo scusarmi per la divagazione wind/coop-voce,non ha alcun senso alla luce del fatto che io,negli anni 2006/7, ho caricato 1650€ complessivi su 3 sim ottenendo il raddoppio dell’importo grazie alla portabilità da vodafone……Con 3300€ come base di partenza viaggio ormai da molto tempo a 5€/anno,il minimo sindacale,su ciascuna……speculazione certo,eticamente otterrei un “pessimo” anch’io.

    ciao!

  13. paoblog
    6 giugno 2014

    Per quanto mi riguarda la qualità e l’assortimento sono due aspetti diversi. La qualità è un fattore oggettivo, l’assortimento è soggettivo. Se la prima manca, c’è poco da argomentare, sul secondo sarà il singolo a farsi i suoi conti e decidere se adattarsi e cambiare le sue modalità di acquisto o meno.

    In ogni caso non ho mai detto di essere scontento del servizio offerto da Esselunga, del quale sono cliente da una quindicina d’anni, ed ho riconosciuto la differenza nell’asortimento ed altro. Anche per i prezzi, spesso Esselunga è vincente, ma qui si torna al problema Etico che rientrava nell’inchiesta fatta da Altroconsumo che considerava anche le politiche verso i fornitori. (Vedi Articolo 62 e Superofferte)

    Attualmente è in corso un’indagine dell’Antitrust su una delle centrali d’acquisto di cui fa parte anche Coop e quindi vedremo se il risultato confermerà o meno le intese restrittive ed a quel punto sarà mia cura contattare Altroconsumo per chiedere un’indagine più approfondita sull’etica verso i fornitori da parte di Coop.

    Al momento mi baso sul fatto che Esselunga risponde poco e male, mentre Coop documenta. Se poi queste buone pratiche restereanno sulla carta, fidati della mia coerenza, se ne parlerà sul Blog.

    Una piccola nota su Coop voce, riferita al precedente commento. Nelle varie rilevazioni sui prezzi CoopVoce non esce vincente, al contrario di quelle sulla soddisfazione dei clienti e per i consumi che ho io, conta più la soddisfazione del prezzo.

    Che poi anche pagare meno e poi finire come quel consumatore che c’era l’altro giorno a Mi Manda Rai 3 che aveva attivato un’offerta Tima 19,90 al mese e si è ritrovato con bollette da 80-90 € (cito a memoria) perchè continuavano ad attivargli opzioni a pagamento alle quali non era interessato…

  14. paoblog
    6 giugno 2014

    finchè argomenti i tuoi commenti, puoi scrivere quanto vuoi, dopodichè il nostro approccio è diverso e sicuramente non intendo farti cambiare opinione.

    circa i ticket anche il macellaio vicino all’ufficio li accetta ed in ogni caso io che pure non sono disoccupato (non ancora, perlomeno) i ticket non li ho, ma non ne faccio un discorso di discriminazione.

    Mi sento molto più discriminato, da consumatore onesto, a pagare di più i prodotti per compensare le perdite a causa dei furti, (così come la polizza Rca per compensare le truffe assicurative).

  15. Frank
    6 giugno 2014

    ps…..poi prometto di tacere…..ma un paio di precisazioni precisazioni sono d’obbligo

    1) ho omesso di virgolettare ” ” quel ” gravemente ” discriminatorio nei confronti di cassintegrati/disoccupati…..in confronto al prezzo che pagano ad essere in quella condizione è ben poca cosa la mancanza di ticket restaurant. Che comunque sono sempre un gap negativo per il cliente che compra in esercizi che li accettano ma non ne possiede,il prezzo è il medesimo ma dimensionato sullo schema ” se li prendo devo recuperare le commissioni “.

    2) il sole24ore del 2 giugno spiega bene la situazione della gdo con numeri e cifre,suggerisco l’attenta lettura in quanto i rapporti di forza sono ben chiari

    3) Lo so bene che tutte le catene della gdo non sono tenere con i loro dipendenti,però c’è una differenza sostanziale,al limite in Esselunga ti fai un mazzo quadro ( e se non vuoi fartelo non sono gentili,daccordo) però il lavoro c’è e continua ad esserci,ASSUMONO persino,mentre alla coop parlano di ESUBERI,LICENZIAMENTI. E il sole24ore argomenta proprio di una cura dimagrante per gli iper,la scelta strategica di 25 anni fa premia Esselunga,ci posso far niente se la realtà delle cose è questa.

  16. Frank
    5 giugno 2014

    No,mi dispiace,l’assortimento e la qualità sono la medesima e unica cosa e in questo Esselunga può competere anche con le gastronomie private! Ma è proprio un conto economico a tagliare le gambe,Coop accetta i ticket restaurant sul fresco,le commissioni notoriamente variano tra il 10 e il 16%,e qui scatta la domanda pleonastica ” ma come faranno a recuperare quei soldi ?” Un pò caricando i prezzi un pò stringendo sulla qualità,il giusto mix lo stabilisce la formula del computer. Tra l’altro accettare ticket è gravemente discriminatorio nei confronti di cassintegrati/disoccupati che,essendone privi,si trovano addosso il ricarico a pioggia senza beneficio alcuno…..Altro che etica!
    Ripeto,poi ciascuno può comprare dove vuole,magari un bel solare di 3 anni fa che se va bene è inerte oppure una bottiglia di spumante del 2011,io vado all’Esselunga e trovo i solari dell’anno in corso e lo spumante di sboccatura 2013/14,anche toccare con mano che la merce viene venduta più rapidamente e la qualità è ottima non è cosa da poco……
    Se no,alias se fosse vero che Esselunga è inferiore a Coop,ma per quale diamine di motivo Genova osteggia da decenni,e con le cannonate pure,l’apertura di un Superstore Esselunga???

  17. paoblog
    5 giugno 2014

    Dalla scorretteza vodafone se ne esce scegliendo l’opzione migliore per i propri utilizzi ovvero noi in famiglia utilizziamo il cellulare (non lo smartphone) solo per telefonare, se serve, con comunicazioni di 45 secondi in media. Su queste basi a me CoopVoce va benissimo ed in ogni caso la trasparenza e la correttezza certe volte valgono più della tariffa.

    Delle differenze di assortimento, ho detto, e così come la gastronomia Coop è sicuramente più scarsa, come offerta, rispetto ad Esselunga, resta il fatto che l’assortimento è una cosa è la qualità un’altra, per cui a parità di qualità, ognuno fa le sue scelte.

    La raccolta punti in realtà è paragonabile, il fatto stesso che Esselunga dia 2 punti per 1 € di spesa (con una franchigia per i primi 5 €) ma poi restituisca 10 € per 1000 punti, te la mette sullo stesso piano di Coop, se non fosse che per quel che mi riguarda con 250 punti ottengo già un primo vantaggio concreto. In ogni caso anche Coop offre punti extra (Punti Jolly).

    Per quanto riguarda l’Etica, l’articolo citato ha analizzato le politiche di responsabilità sociale, quindi verso fornitori, ambiente e lavoro; sapevo benissimo, ad onor del vero, che sarebbe uscito il problema dell’etica verso i dipendenti che ovviamente non è trascurabile, se non fosse che più volte anche Esselunga è stata messa all’indice per queste ragioni. Oserei dire che nessuno nella Gdo è immune da critiche in questo senso, il che ovviamente non è una scusante per nessuno.

    Resta il fatto che c’è una differenza sostanziale di approccio da parte di Coop ed Esselunga all’inchiesta fatta da Altroconsumo; Coop ha documentato tutte le attività etiche che dichiara, tra cui quella di garantire che i fornitori paghino il salario giusto ai dipendenti ed esselunga invece ha fornito risposte scarne, senza il supporto di documentazione che ne attesti la veridicità.

    Vien da chiedersi perchè Esselunga glissi su queste tematiche, evitando di rispondere chiaramente, in quanto sarebbe un punto a suo favore dimostrare trasparenza ancor prima che Etica.

  18. Frank
    5 giugno 2014

    Concordo solo sul concetto “scorrettezza vodafone”,tutto il resto rientra nel discorso “se ci si accontenta”……

    Dunque,a parte che dalla scorrettezza vodafone se ne esce passando a Wind e non certo a coop-voce ( a 7€/mese ho 300minuti/300sms verso tutti + 2gb traffico dati) voglio sottolineare che la gastronomia coop è PENOSA rispetto a Esselunga e non mi ben chiaro come possano essere paragonabili le 2 raccolte punti quando Esselunga dà 2 punti fragola ogni € speso + molti altri punti extra ( anche x3 in determinati periodi ). Tra l’altro,leggendo i giornali,i numeri dicono che Coop in questi ultimi 3 anni ha perso 1miliardo€ in operazioni finanziarie andate malissimo mentre Esselunga ha guadagnato 1miliardo€,facendo IMPRESA naturalmente,non finanza.

    In ogni caso è giusto che ciascuno vada a fare la spesa dove preferisce,per certi versi è pure meglio che qualcuno si defili da Esselunga,ovunque sono sovraffollate e in certi momenti al limite della capienza!

    Ah beh certo…….l’etica……..mi sa che chi ha stilato la classifica s’è scordato l’etica verso i dipendenti,nella zona di Roma Coop vuole fare ampi tagli di personale,basta come sempre leggere i giornali……Nel frattempo Esselunga assume……alla fine il mercato dice la verità!

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: