Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Riaprire la centrale a carbone di Vado Ligure?

Un post dedicato all’amica Poppea che si è battuta invano contro la centrale a carbone dell’Enel a Civitavecchia

Articoli correlati: Presentato il Dossier ‘Gli impatti del carbone sulla salute umana’

Svizzera: un referendum dice basta al carbone, anche se all’esteroLos Angeles dirà addio al carbone entro il 2025

carbone

Leggo questo articolo su Rinnovabili.it

Tutte e tre contro il carbone, tutte e tre contro la riapertura dell’impianto di Vado Ligure di proprietà di Tirreno Power.

«Greenpeace, Legambiente e WWF si oppongono decisamente a provvedimenti legislativi tesi a far riaprire la centrale», fanno sapere le associazioni ambientaliste in un comunicato congiunto.

I rumors provenienti da fonti sindacali, infatti, fanno pensare che nella mente del presidente del Consiglio, Matteo Renzi, stia ronzando proprio quest’idea.

La richiesta dell’azienda, infatti, è quella di modificare le prescrizioni ambientali, altrimenti dovrà chiudere i battenti. Un intervento del governo a spese di ambiente e salute sarebbe un’ingerenza gravissima per il fronte ambientalista.

Infatti il sito è sotto indagine da parte della magistratura: gli inquirenti cercano conferme all’ipotesi che l’inquinamento della centrale abbia provocato 442 morti tra il 2000 e il 2007.

L’azienda però non ci sta, contesta la chiusura e propone interventi migliorativi per tornare produrre. Cosa che gli è stata impedita, a marzo di quest’anno, dal decreto di sequestro emesso dal Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Savona.

I gruppi a carbone dell’impianto ligure, infatti, sono sospettati di impatti sanitari e ambientali gravissimi, e il nuovo assetto proposto dalla Tirreno Power non basterebbe a ridurli.

Si discosterebbe di molto dall’adeguamento delle emissioni «a quelle associate alle migliori tecnologie disponibili», affermano Legambiente, Greenpeace e WWF.

Il documento europeo sui grandi impianti di combustione prevede, per i gruppi alimentati a carbone, l’evoluzione della tecnologia verso le cosiddette MTD.

Ma per la geografia del luogo – spiegano le associazioni – gli impianti di Vado Ligure e Quiliano dovrebbero comunque sottostare a limiti di emissione degli inquinanti più rigorosi di quelli raggiungibili con un aggiornamento tecnologico all’ultimo grido.

«La comunità scientifica afferma che certi impianti dovrebbero essere assolutamente allontanati dalle zone densamente abitate, anche se realizzati avvalendosi degli standard tecnici più elevati per contenere le emissioni nocive».

A Vado tuttavia il clima sociale non è facilmente decifrabile. La cittadinanza si trova gravata dal dilemma su cui ancora oggi si sta lambiccando anche Taranto: lavoro o salute?

I lavoratori della Tirreno Power, in alcuni casi, sarebbero propensi a rientrare in fabbrica, incuranti dell’impatto ambientale e sanitario.

Ma gli ambientalisti invitano a riflettere su una scelta simile: «Occorre ripensare insieme il futuro di questi siti produttivi puntando sull’innovazione energetica che può garantire risvolti occupazionali più duraturi nel tempo».

2 commenti su “Riaprire la centrale a carbone di Vado Ligure?

  1. Poppea
    12 novembre 2014

    Ovvio che Renzi paventa la riapertura Tirreno Power è del suo amico Di Benedetti, vogliono sicuramente alzare la soglia di inquinamento sti’ pezzi di m…..

    Li prenderei e li metterei col culo sulle ciminiere.

  2. Morbida Dolcezza
    12 novembre 2014

    Senza salute non si lavora….

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: