Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Un libro: La canzone del cavaliere

di Ben Pastor venduto

Hobby & Work  – Pagg. 429  – € 17,00

La canzone del cavaliere - € 8,00

Trama: Spagna, 1937. La guerra civile tra i repubblicani e gli insorti franchisti non conosce un istante di tregua. Convinto volontario del “Tercio” franchista, Martin Bora vive il conflitto spagnolo come un’avventura entusiasmante, dove il rigore delle scelte politiche si sposa all’impeto vitalistico dell’azione pura.

I primi dubbi, tuttavia, cominciano ad apparire quando si imbatte nel cadavere di un uomo barbaramente assassinato. Si tratta di Federico Garcia Lorca, brillante poeta, progressista, omosessuale.

Chi l’ha fatto fuori?

Le versioni ufficiali non convincono affatto il giovane volontario tedesco, che inizia una pericolosissima inchiesta per vederci chiaro, in sincronia con l’indagine condotta da un “nemico”, l’americano Philip Walton.

Letto da: Paolo

Opinione personale: Questo è il primo libro con il personaggio di Martin Von Bora, ma come spesso accade, non è il primo che ho letto; diversamente dal solito, è stato meglio conoscere Bora nel corso della guerra, in quanto in questo  romanzo il giovane ufficiale è ancora nella fase più idealista, sebbene abbia già una testa pensante, cosa questa non gradita agli ufficiali superiori.

La storia parte con una lentezza che appare quasi esasperante e che rischia di farti giudicare la lettura come noiosa, ma in realtà si tratta di una storia, un’ambientazione, che richiedono tempi lunghi durante i quali il lettore deve calarsi nei panni di entrambi i personaggi principali ovvero Bora ed il suo nemico Walton.

Bora mostra al meglio l’uomo che diventerà, in questa sua ricerca della verità, a prescindere che la stessa sia la più comoda per i suoi superiori o meno.

Sono di parte, da quando ho letto il racconto Il giaciglio d’acciaio, Martin Bora è entrato prepotentemente nelle mie lettura, tuttavia lo consiglio a chi è in grado di capire che leggere libri di guerra non equivale ad amare la guerra, come spiega l’autrice, ma il contrario.

Della stessa autrice ho letto anche: Luna Bugiarda LumenIl signore delle cento ossaIl cielo di stagno ed il racconto Il giaciglio d’acciaio (presente nel libro Un Natale in giallo)

 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 9 dicembre 2014 da in L'angolo dei libri - Le nostre segnalazioni con tag , , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: