Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Scusa, ma fumare ti brucia i neuroni o sei proprio incivile nel Dna?

817_001

Alla scritta qua sopra dovrebbero aggiungere che chi fuma danneggia anche l’Ambiente che ti sta intorno e che non è una cosa astratta, in quanto include anche dove vivono i fumatori, inclusi i loro figli…

A questo proposito, leggi: E’ questo il mondo nel quale volete far vivere i vostri figli?

Ho pochi amici che fumano e tutti si dichiarano contro le abitudini incivili di molti fumatori, ma resta il fatto che la maggior parte degli automobilisti (uomini & donne, giovani & anziani) che incontro durante i miei 62 km. quotidiani, gettano i mozziconi dal finestrino.

Le scritte sui pacchetti delle sigarette sono conosciute, recitano messaggi che dovrebbero farli desistere dalla loro abitudine, che sarà anche piacevole, ma sicuramente non è sana.

Pict10Quello che dovrebbero però scrivere sui pacchetti è un avviso sul fatto che fumare ti brucia il cervello, perchè questa sarebbe l’unica spiegazione possibile all’inciviltà diffusa fra i fumatori che sempre più spesso, oltre al mozzicone (piccolo, ma dannoso), buttano anche il pacchetto sul marciapiede, sulla strada, nei giardini e via dicendo.

Succcede in campagna, nel mio comune e succede in città. Succede anche a pochi metri dai cestini, il che la dice lunga sull’idiozia di certi…

Se il fumo invece, non danneggia il cervello del fumatore, significa che il numero di incivili che ci circonda è persino più elevato del previsto ed in aumento…

di Francesco Mignano

di Francesco Mignano

Chissà se sono gli stessi personaggi che si indignano davanti alla TV quando vedono i servizi sui rifiuti per le strade…

Chissà come faranno ad educare i loro figli…

Paradossale poi leggere che nel Decreto green economy (economia verde se sei fra quelli che ancora parlano in italiano):

…a partire dal 1° luglio 2015 sarà vietato l’abbandono di mozziconi da prodotti da fumo e di gomme da masticare sul suolo, nelle acque e negli scarichi pena una sanzione amministrativa consistente nel pagamento di una somma da 100 a 500 euro.

Tralasciamo il fatto che sia necessaria una legge che vieta l’abbandono dei rifiuti, quando dovrebbe essere un comportamento naturale, ispirato dal Buonsenso e dal rispetto verso gli altri ed il Bene Comune…

Ma cerchiamo di essere realisti: Multe? Per un mozzicone?

Non multano quelli senza cintura o con il cellulare sempre in mano, comportamento aggravato dal fatto che molti potrebbero parlare al telefono, se proprio devono, utilizzando il Bluetooth e/o l’auricolare / vivavoce.

Ci aspettiamo che i vigili multino chi butta i mozziconi oppure i pacchetti per la strada? Siamo seri…

Infatti le multe per questi comportamenti incivili già ci sono, ma al solito sono inapplicate. 

Nel 2009 l’articolo 34-bis introdotto nel Codice della strada con l’approvazione definitiva dell’ennesimo Ddl su ordine pubblico e sicurezza, prevedeva una maxi multa “da 500 a 1.000 euro” prevista per chi “insozza le pubbliche strade”.

Un importo da 100 a 500 €, peraltro più basso di quanto previsto nel 2009, non farà da deterrente, se nessuno poi farà multe di questo tipo; sperando poi di non avere giornali che danno spazio alla solita lettera di protesta da parte di chi viene giustamente multato e si lamenta pure, invece che chiedere scusa (oltre che a pagare la sanzione).

In ogni caso l’inciviltà non è figlia solo dei cattivi comportamenti, ma anche del lassismo.

mi sono rotto

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: