Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Arriva il digitale terrestre DVB-T2: adesso cosa succede ai nostri televisori?

tv-curveLa nuova assegnazione delle frequenze voluta dall’Europa porterà con sé diverse conseguenze per i consumatori.

Una di queste è che le emittenti italiane dovranno adottare un nuovo standard di trasmissione per i loro segnali televisivi.

Passeranno, perciò, dall’attuale DVB-T al DVB-T2, ovvero il digitale terrestre di seconda generazione.

In questo scenario, una delle possibili conseguenze sarà che i televisori acquistati prima del 2014 potrebbero non essere più in grado di ricevere il segnale.

A complicare la situazione, c’è anche H265/HEVC, sigla che indica il codec (quindi un software) che comprime il segnale del digitale terrestre di seconda generazione.

La prima scadenza della legge che impone questo nuovo standard è scattata il 1° luglio 2016: a partire da questa data, infatti, i produttori non possono più distribuire televisori senza il nuovo digitale terrestre o senza i codec H265/HEVC.

Entro il 1° gennaio 2017, invece, saranno i venditori a doversi adeguare: dopo questa scadenza i televisori fuori dai nuovi standard non potranno più essere venduti.

La transazione alla nuova tecnologia sarà graduale, quindi nell’immediato alcuni canali potrebbero non essere visibili.

La prospettiva di uno “switch off” (quindi il suo spegnimento totale) dell’attuale sistema DVB-T si concretizzerà, probabilmente, tra il 2020 e il 2023.

Entro questa data, i principali canali Rai e Mediaset continueranno comunque a venire trasmessi in DVB-T. Altri canali “secondari”, invece, potrebbero non essere visibili già prima dello spegnimento definitivo della vecchia tecnologia.

Dopo il passaggio a questo nuovo standard di trasmissione, per i televisori “vecchi” il rischio più plausibile sarà quello di dover ricorrere a un decoder.

Chi possiede televisori che, allo stato attuale, non sono in grado di ricevere i segnali trasmessi in DVB-T2 o che non riescono a decodificare lo standard H265/HEVC, saranno perciò costretti alla scomodità di avere un decoder per poter vedere correttamente tutti i canali – o cambiare la tv – e, in più, anche due telecomandi.

Al momento possiamo suddividere le tv in quattro gruppi:

  • Tv antecedenti al 2010
    Ricevono il segnale attraverso il digitale terrestre ma, già oggi, potrebbero non mostrare i canali in alta definizione, perché sprovvisti del supporto al codec MPEG4
  • Tv del periodo 2010-2014
    Ricevono in digitale terrestre, inclusi i pochi canali in alta definizione codificati in MPEG4
  • Tv del periodo 2014-2015
    Hanno il supporto allo standard DVB-T2 ma senza il supporto al più recente codec H265/HEVC
  • Tv del periodo 2015-2016
    Supportano lo standard DVB-T2 e il più recente codec H265/HEVC.

Fonte – Altroconsumo: nuovo standard tv dvb-t2

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 26 settembre 2016 da in Consumatori & Utenti, Leggo & Pubblico, Tecnologia, Scienza, Web & C..
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: