Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

La guida autonoma non è sicura, quella semiautonoma ancor meno. Ecco perché…

Dagli Usa arriva un altro allarme sui pericoli causati dai sistemi di sicurezza avanzati che assistono i conducenti nella guida: incentivano la distrazione, specie su strade come quelle americane dove gli spazi spesso ampi esasperano la sensazione che dà la lentezza fissata per legge e imposta a suon di controlli.

Il risultato è che gli incidenti mortali sono aumentati negli ultimi anni, alla faccia di chi pensa che con la tolleranza zero si possano risolvere tutti i problemi.

Inoltre, i sistemi di assistenza danno tanta fiducia da indurre a mettersi alla guida anche quando non si è in condizione di farlo (perché ubriachi, stanchi, drogati, ingessati eccetera).

Così ora gli americani, pur andando piano, sono preoccupati da questi dispositivi che rendono la guida semiautonoma e probabilmente sperano che arrivi al più presto la guida completamente autonoma (il cosiddetto livello 5, in cui a guidare è la vettura e chi sta nell’abitacolo non ha più alcun compito né responsabilità).

Ma il problema non si risolverà nemmeno così. Tanto negli Usa quanto nel resto del mondo.

continua la lettura qui: Strade sicure | La guida autonoma non è sicura, quella semiautonoma ancor meno. Ecco perché

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 23 agosto 2017 da in Il mondo dell'automobile (e non solo), Sicurezza stradale con tag , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: