Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Pagamenti, la misura è colma: stavolta m’impunto

Mandi l’offerta ed indichi le solite condizioni di pagamento, anche se sono passati 5 anni dall’ultima fornitura ovvero 60 gg. r.b. f.m.

Arriva l’ordine ed il pagamento si trasforma in rimessa diretta ovvero io so quando consegno la merce, ma per il pagamento devo fare affidamento sulla puntualità del cliente.

Sono stanco della prevaricazione delle grandi aziende, spesso devo masticare amaro, ma oggi Non ci sto!

Buongiorno,

la vs. amministrazione ovviamente deve obbedire alle indicazioni della Direzione, se non fosse che questa variazione è imposta unilateralmente ed è a mio svantaggio.

Sono inoltre convinto che le condizioni di pagamento le fissi chi vende oppure mi si vuol dire che se faccio un ordine a XY posso poi fissare io i termini di pagamento?

Ho come la sensazione che in quel caso la vs. amministrazione avrebbe da ridire.

Detto questo, non ho dubbi che XY sia solvibile, ma è anche puntuale?

Perchè il nodo del contendere non è che XY paghi, ma che rispetti la scadenza della fattura.

Se lo è, ritengo che possa garantire con una nota “nero su bianco” sull’ordine, che il pagamento sarà fatto entro e non oltre il 5 settembre (scadenza del 31 agosto).

In caso contrario va da sè che si creerà un’impasse non superabile.

(Resta il fatto che se, come credo, il cliente non s’impegnerà ad effettuare il pagamento entro 5 giorni dalla scadenza, è perchè sa benissimo quello che so anch’io: l’unica ragione valida per non accettare le Riba con scadenza fissa a favore di una rimessa diretta è perchè quest’ultima la paghi quando ti pare, senza fare insoluti che alla lunga ti mettono in cattiva luce in banca.)

Va da sè che l’ordine praticamente già preso non ha avuto seguito, in quanto il cliente che a parole mette la mano sul fuoco  per la sua solvibilità, non ha accettato di mettere nero su bianco l’impegno a pagare entro il 5 del mese.

Dal mio punto di vista non sono io ad aver perso 900 €, ma lui ad aver perso la faccia. Scarsa soddisfazione direte voi…

Certo, non ti puoi impuntare tutti i giorni, spesso bisogna far buon visto a cattiva sorte, ma non ci si può neanche sempre far mettere i piedi in testa dal primo che passa.

Perchè da uno che parecchi ordini al mese, per migliaia di €, puoi anche accettare qualche* nota stonata, ma di un’azienda che viene ogni 5 o 6 anni e pretende pure di dettare legge in casa mia ne faccio a meno.

Senza contare, come detto, che se vai tu a comprare devi accettare le loro condizioni di vendita, sennò non ti danno un grammo di materiale.

(*) L’asterisco accanto a “qualche” sta a significare che in ogni caso anche se se uno dei miei clienti più importanti non è che puoi fare il bello e brutto tempo.

Leggi: Listino bloccato per 12 mesi, sconto 10%, varie ed eventuali. E poi? Ti lavo anche la macchina?

Aggiornamento del 10 luglio 2018

Com’è che il cliente che un mese fa mi ha detto che non accettava la nostra forma di pagamento ora torna alla carica chiedendo se c’è il modo di dare corso alla fornitura?
Forse che gli altri fornitori ti hanno risposto tutti picche?
Che poi per dare corso alla fornitura ci vuol poco: pagami come voglio essere pagato oppure impegnati “nero su bianco” a rispettare il pagamento alla scadenza, cosa che a quanto pare non vuole fare.
11 luglio – arriva una mail dal cliente: Buongiorno, In via del tutto eccezionale possiamo accettare per questa fornitura il pagamento a Riba 60gg.
Bene, un ordine ripreso per i capelli e la testimonianza che impuntarsi per il rispetto dei nostri diritti talvolta paga.
Ma la domanda è un’altra: preferiscono pagare “in via eccezionale” con la Riba, piuttosto che impegnarsi “nero su bianco” sul rispetto dei pagamenti con rimessa diretta?
Resta il fatto che nel mese trascorso a fare muro contro muro il prezzo del materiale è aumentato e quindi, oltre che a dover accettare il pagamento offerto in origine, l’importo aumenta di 50 €.
Contenti loro…

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: