Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Un libro: La distanza fra me e il ciliegio

“Mafalda ha nove anni, indossa un paio di occhiali spessi e gialli e conosce a memoria “”Il barone rampante”” di Italo Calvino. Mafalda soffre di una rara malattia che in breve tempo la priverà della vista.

E’ una bambina curiosa e l’idea di rimanere al buio la spaventa: tiene un diario in cui annota le cose che non potrà più fare, come contare le stelle, giocare a calcio insieme ai maschi o arrampicarsi sul ciliegio della scuola, che riesce a vedere sempre meno ogni giorno che passa.

Ma presto capisce che un altro modo di vedere esiste. Impara a misurare la distanza dal ciliegio in base al profumo dei fiori e comincia a scrivere un nuovo elenco: quello delle cose a cui tiene e che riesce ancora a fare”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 17 ottobre 2018 da in L'angolo dei libri - Le nostre segnalazioni con tag , , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: