Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Un libro: Jesus’ son

Fuckhead: si chiama così il narratore di queste undici storie. Infatti tutto quello che tocca va irrimediabilmente in rovina e il fallimento lo porta scritto in faccia.

Vive in un mondo fatto di furti con scasso e overdose di eroina, dove il passato, il presente e il futuro sono un’unica cosa e i sogni sono solo sogni di frustrazione.

Un mondo popolato da spacciatori che scappano dalla finestra, tipi loschi a cui hanno sparato che per alleviare il dolore si fanno fumare hashish sulla ferita aperta, ballerine di lap dance dall’aspetto angelico e uomini che al pronto soccorso con un coltello in un occhio conversano come se nulla fosse successo.

Eppure lo sguardo da ingenuo sotto metanfetamine di Fuckhead apre squarci di luce accecanti. Epifanie di grazia di fronte alle quali non possiamo non pensare che, anche nelle nostre peggiori miserie, possa esserci spazio per la speranza.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 5 dicembre 2018 da in L'angolo dei libri - Le nostre segnalazioni con tag , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: