Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Un libro: Olive, ancora lei

Questa raccolta copre circa vent’anni di vita di Olive Kitteridge, gli ultimi, e ripercorre nel contempo la produzione narrativa di Elizabeth Strout.

Fra i personaggi compaiono infatti figure già incontrate nelle sue opere precedenti: i ragazzi Burgess e l’Isabelle di Amy e Isabelle. E oltre ai personaggi tornano naturalmente i temi classici di Strout: le costrizioni familiari, la povertà, le infanzie violate, la vergogna sociale, il senso di colpa, il riscatto.

Una sorta di malinconia aleggia in ogni pagina, poiché quasi ogni racconto contiene un congedo, da un luogo, una persona, o dalla vita stessa.

Ma a far da contrasto alle miserie della vita vi sono lampi di pura abbagliante umanità. È nel ritrarre questi momenti di piena seppur effimera condivisione con gli altri esseri umani che Elizabeth Strout, qui come in ogni altra sua opera, si dimostra una grandissima scrittrice.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 25 marzo 2020 da in L'angolo dei libri - Le nostre segnalazioni con tag , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: