Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Un libro: 2084 La dittatura delle donne

Nel 2084 l’umanità, o ciò che ne resta dopo un disastro ambientale e una nuova guerra mondiale, è regredita a una sorta di medioevo bucolico, dove il controllo dell’ordine è affidato a robot e supercomputer, che hanno il compito di assicurare la sopravvivenza della cosiddetta Dittatura Democratica.

Nel nuovo regime tutto deve essere funzionale e regolamentato: non si può decidere il proprio destino, il desiderio, la creatività, l’eros sono visti con sospetto.

Inoltre esso prevede che gli uomini, i Vires, siano destinati alle mansioni più umili, in attesa che i nuovi robot che vanno perfezionandosi possano prendere il loro posto e soppiantarli una volta per tutte.

Sì, perché il sesso maschile è regredito nella scala gerarchica e ora a comandare sono le donne, moderne Amazzoni. Soprattutto, i rapporti fra i sessi sono banditi e ogni forma di riproduzione è rigidamente controllata.

In questo scenario distopico, la curiosa e impertinente Evonne, figlia di Livia, artista quieta e remissiva, rimane incinta. Di un uomo. E l’uomo è Vijay, un ragazzo della casta degli Assimilati, una sorta di schiavo con capacità artistiche dirompenti.

È così che il sistema entra in crisi, mostrando i suoi limiti e le sue falle. Evonne e Livia si sforzano di nascondere il frutto di quella unione divenuta, ora, nel mondo nuovo, assurda e impensabile, ma quel frutto – la piccola, geniale Irma – incarna il cambiamento che non può essere fermato.

leggi anche la recensione di MilanoNera, dalla quale estrapolo un passaggio:

Ogni romanzo che susciti un pensiero in grado di incrinare le nostre convinzioni è sempre il benvenuto.

“2084. La dittatura delle donne” rovescia il modello sociale proposto da Il racconto dell’Ancella e I testamenti di Margaret Atwood, a essere ridotti in schiavitù sono gli uomini, ma non è importante quale sia il genere che eredita la terra poiché, dopo una catastrofe, seppellire in un estremismo ciò che rimane dell’umanità è una scelta miope e suicida.

L’unico futuro possibile risiede non nella lotta ma nella collaborazione tra donna e uomo.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 1 luglio 2020 da in L'angolo dei libri - Le nostre segnalazioni con tag , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: