Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Un libro: Otto perfetti omicidi

Un libraio. La passione per i gialli. L’ossessione per il delitto perfetto.
Se esiste qualcuno in grado di selezionare i migliori “delitti perfetti” della storia della letteratura, omicidi così originali ed elaborati da essere praticamente impossibili da risolvere, quella persona è senz’altro Malcolm Kershaw.

Titolare della libreria Old Devils di Boston, specializzata in gialli e thriller, collezionista di romanzi crime classici e moderni, nessuno conosce il genere meglio di lui. E, a dirla tutta, una lista di delitti perfetti Malcolm l’ha stilata.

Otto, per l’esattezza, estratti da altrettanti capolavori, da Agatha Christie a Patricia Highsmith a Donna Tartt. L’ha pubblicata sul blog della Old Devils, per attrarre clienti. Non poteva sapere che, a distanza di anni, avrebbe invece condotto l’FBI alla sua porta.

Infatti, in una giornata di neve nel gelido inverno di Boston, Malcolm è in libreria con Nero, il gatto che da tempo vive tra quegli scaffali, quando l’agente Gwen Mulvey si presenta all’improvviso per porgli alcune domande: sta indagando su una serie di omicidi irrisolti e sospetta che un assassino stia imitando le trame di famosi romanzi per compiere il delitto perfetto… i romanzi della lista di Malcolm.

Suo malgrado, il libraio inizia così a collaborare con l’agente Mulvey per scoprire chi si nasconda dietro quei crimini inquietanti. Nel frattempo, però, l’uomo si ritrova a ripercorrere un’altra trama, e non è quella di un libro.

È la sua vita, e forse è finalmente pronto a raccontarla. Ma, come ci insegnano i migliori gialli, a volte per varcare il confine tra ciò che è reale e ciò che non lo è basta un piccolo passo.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 24 febbraio 2022 da in L'angolo dei libri - Le nostre segnalazioni con tag , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: