Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Accendi il cervello, non il retronebbia

Non ci sono più le mezze stagioni, come recita un detto, ma neanche più quelle intere, ed infatti ci troviamo alle prese con un autunno inoltrato con temperature quasi primaverili. Nonostante ciò, la nebbia in alcune zone è arrivata ed ecco che, magicamente, ci troviamo alle prese con gli automobilisti con il retronebbia acceso, a prescindere dalle condizioni meteo.

Può essere una serata limpida, può essere in città, incolonnato al semaforo, ovunque sia, questo minchione ti distrugge gli occhi con questo faro rosso.

Tra l’altro questo comportamento, come dicevo lo scorso anno in questo post non è che innalzi la loro sicurezza, anzi è vero il contrario.Nel post avevo fatto un ragionamento tecnico e pratico, ma oggi vorrei integrare il tutto con una riflessione a parte.

Partendo dal fatto che durante l’estate non mi è capitato di incontrare questi signori, vien da pensare che alla fine della stagione questo dannato retronebbia lo abbiano spento; forse non sanno che, a differenza delle gomme invernali che devono essere montate in un periodo certo, non esiste l’obbligo di accenderlo a metà ottobre e spegnerlo ad inizio maggio.

Preso atto che il retronebbia è stato acceso in un momento X dell’autunno, vorrei fare un annuncio: Signori, il retronebbia ha un pulsante con il quale lo si ACCENDE e lo si SPEGNE. Semplice.

Tratto da Polizia Moderna – Inserto speciale Guida Sicura

Uso dei fendinebbia e retronebbia: In caso di nebbia, fumo, foschia, nevicata in atto, pioggia intensa, i proiettori anabbaglianti e quelli di profondità possono essere sostituiti da proiettori fendinebbia anteriori, che assicurano un minore effetto di riflessione della luce sulle particelle di acqua o sul pulviscolo sospesi in aria e quindi una maggiore estensione del raggio visivo del conducente.

Qualora ne sia dotato, il conducente deve accendere la luce posteriore per nebbia quando la visibilità sia ridotta a meno di 50 metri in caso di nebbia, di pioggia intensa o di fitta nevicata in atto. È vietato l’uso di questi dispositivi luminosi al di fuori dei casi indicati.

Questo inserto è molto interessante. Chi è interessato può scaricarlo, in Pdf, qui:

L’opinione di Maurizio Caprino

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: