Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Accendiamo i fendinebbia con giudizio…

Articolo aggiornato dopo la pubblicazione

E’ un titolo molto ironico, in realtà, come capirete fra poco, è un invito a spegnerli questi fendinebbia.

Ho già parlato più volte della pessima abitudine di accendere i retronebbia a prescindere che ci sia necessità o meno.

Inutile ripetere tutto qui, per cui copio il link che vi porta al post dedicato all’argomento, ma sono costretto a parlare anche dei fendinebbia in quanto incontro sempre più spesso autovetture che accendono sia gli anabbaglianti sia i fendinebbia, il cui nome già dovrebbe far capire a che cosa serve questo faro.

Andiamo per ordine.

Tratto da Polizia Moderna – Inserto speciale Guida Sicura

Uso dei fendinebbia e retronebbia

In caso di nebbia, fumo, foschia, nevicata in atto, pioggia intensa, i proiettori anabbaglianti e quelli di profondità possono essere sostituiti da proiettori fendinebbia anteriori, che assicurano un minore effetto di riflessione della luce sulle particelle di acqua o sul pulviscolo sospesi in aria e quindi una maggiore estensione del raggio visivo del conducente. ….

È vietato l’uso di questi dispositivi luminosi al di fuori dei casi indicati.

Dovrebbero essere chiare le condizioni d’uso di questi fari. Ma sappiamo che così non è. Accantoniamo però il Codice della Strada (questo sconosciuto) e passiamo ad aspetti più pratici.

1) Il fendinebbia ha una luce molto potente che, in caso di ottima visibilità, dà molto fastidio a chi ti incrocia.

2) Il faro è studiato non per dare una visione molto profonda, ma al contrario illumina molto pochi metri davanti a noi e sui lati, per cui è inutile utilizzarlo di sera/notte, perchè illumina poca strada.

Luci fendinebbia (o anche antinebbia), luci atte ad aumentare l’illuminazione della strada antistante, poste nella parte anteriore del veicolo, con luce bianca, ed a bassa altezza dal piano stradale, dato che la nebbia non si forma sotto ad una certa altezza; le luci fendinebbia hanno il fascio luminoso orientato verso il basso, in maniera tale da “forare” la nebbia.

3) Accendere i fendinebbia, inutilmente, abbinati agli anabbagliati, aumenta i consumi e, di conseguenza, i costi per l’automobilista.

+ Consumi = + Inquinamento, ma temo che questo aspetto non interessi a nessuno… 😦

4) Resta il fatto che “Chiunque viola le altre disposizioni del presente articolo ovvero usa impropriamente i dispositivi di segnalazione luminosa è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 38 a euro 155.”

Detto questo, perchè accendere i fendinebbia quando non serve?

(Capita purtroppo che talvolta sia necessario accendere i fendinebbia per compensare le mancanze dell’impianto luci: Vorrei i fari della nuova Yaris ibrida…)

Torniamo agli aspetti pratici. Il fendinebbia nella maggior parte dei casi deve essere acceso, appositamente, tramite un comando separato, per cui è un’azione volontaria.

Non puoi accenderli per sbaglio; volendo infierire, 😉 potrei far notare che c’è una spia che segnala l’accensione degli stessi (idem per il retronebbia).

P.S. Non trovate strano che si faccia largo uso dei fari fendinebbia (retronebbia e/o abbaglianti), mettendo anche a repentaglio la sicurezza stradale, salvo poi non utilizzare gli indicatori di direzione?

 

 

 

8 commenti su “Accendiamo i fendinebbia con giudizio…

  1. Francesco
    11 dicembre 2009

    Eh già…!
    Le incongruenze dell’automobilista italiano che si crede migliore di chiunque…

  2. ToX
    11 dicembre 2009

    chi viaggia con i fendinebbia accesi sotto il cielo sereno ha evidentemente la mente annebbiata

    • paoblog
      12 dicembre 2009

      Un pensiero semplice, conciso e calzante. 😀

  3. Pingback: La Cassazione “assolve” i fendinebbia, ma voi usateli solo se necessario « Paoblog

  4. Pingback: Auto più ecologiche? E’ una questione di colore « Paoblog

  5. Pingback: Le auto più ecologiche

  6. Pingback: Finisce l’estate, la mattina è già buio e (ri)tornano “loro”…. « Paoblog

  7. Pingback: La crisi fa viaggiare al buio. E “appieda” anche i vip | Paoblog

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: