Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Truffe agli anziani, in azione finti carabinieri e finti tecnici del gas

So bene che i truffatori sono abili nel fare quelche fanno e so che gli anziani sono spesso prede facili tuttavia, come ben sa Poppea 😉 , certe volte fa arrabbiare leggere di come si facciano fregare; perchè così comeè vero che il falso tecnico del gas è un classico, è anche vero che i falsi carabinieri (in borghese) che ti chiedono di aprire la cassaforte e si portano tutto in caserma, per fare un controllo, dovrebbero far alzare le antenne.

Per quel che mi riguarda istruisco spesso i miei genitori, anche se è vero che mia mamma recepisce meglio di mio padre, che forse sconta quel filo di superbia tipica di certi anziani che alla prima critica li porta sistematicamente a fare affermazioni del tipo: sono 50 anni che … non sarò mica diventato scemo?

Per cui se mia madre non apre mai la porta ai soliti venditori tipo Mi mostra la bolletta per favore? è anche vero che mio padre si è fatto infinocchiare dalla classica truffa dello specchietto…

Certo, in azienda io mi sono beccato un assegno rubato;  il Maresciallo dei CC mi ha fatto notare, rassicurandomi, che sono professionisti e che, per così dire, quello è il loro lavoro ed hanno gioco facile, per l’appunto, ad insinuarsi nelle crepe che noi cittadini onesti abbiamo. (Tuttavia sempre minchione ti senti…)

Resta il fatto che siamo tutti dei bersagli e dobbiamo prestare sempre molta attenzione, soprattutto a chi facciamo entrare in casa ed in azienda; anni fa era venuta la Finanza, in borghese, ed io prima di fargli fare un passo ho chiesto che mi facessero vedere i tesserini d’identificazione, cosa che hanno prontamente fatto.

°°°

In sintesi tre truffe recenti lette sul Corriere:

Il primo colpo è avvenuto mercoledì attorno alle 11.30 in via Bergognone, nell’appartamento di un uomo di 82 anni, che ha accolto in casa un uomo che si è finto tecnico del gas. Mentre il truffatore fingeva un controllo in cucina, un complice si è intrufolato nell’appartamento e si è impossessato di un orologio d’oro, un braccialetto e un anello.

Dopo un’ora e mezza, il copione si è ripetuto in viale Cirene, nell’appartamento di una coppia di anziani di 82 e 77 anni. In questo caso il truffatore, che non aveva un complice, per convincerli a farlo entrare ha mostrato loro un apparecchio per la rilevazione delle fughe di gas e ha finto di fare controlli in cucina. Il ladro, un italiano dell’età di circa 30 – 40 anni, ha poi invitato gli anziani a raccogliere i propri averi in un unico punto, per evitare che subissero danni.

Si sono invece qualificati come carabinieri in borghese i due truffatori che martedì hanno derubato una coppia di sessantenni  a Magenta. «Siamo intervenuti perché i vostri vicini ci avevano segnalato dei ladri. Ne abbiamo preso uno, ma dobbiamo controllare che non abbiano rubato in casa». Così, la coppia li ha fatti entrare e i due hanno chiesto di poter vedere la cassaforte, dicendo di avere ordine di prenderne il contenuto per esaminarlo in caserma.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: