Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Aquafresh presenta la 4°edizione di “Chiudi il Rubinetto”

Alcuni giorni fa eravamo a pranzo con Spugna, che ha aderito al mio progetto di condivisione del documentario Trashed e dal parlare di rifiuti evitabili sino ad arrivare agli sprechi, il passo è stato breve; fra gli sprechi di cui si parlava oltre ovviamente agli imballaggi inutili, si parlava dell’acqua e Spugna faceva notare che per lei quello di chiudere l’acqua mentre lava i denti, è un gesto naturale. 

E’ lo stesso per noi, incluso per me quando faccio la barba; ricevere perciò le informazioni necessarie per diffondere il progetto di Aquafresh è stato come mettere una ciliegina sulla torta. 😉

Per quel che mi riguarda, non solo per l’acqua, cerco di razzolare come predico, tuttavia clicca QUI per leggere come fare a ridurre la tua Impronta idrica e per restare in argomento ti segnalo il libro L’acqua che mangiamo.

Se ti interessa quello che leggi sul Blog, puoi iscriverti al Gruppo su Facebook: Paoblog & i suoi Bloggers

CHIUDILRUBINETTO logo_2013

Aquafresh, marchio GlaxoSmithKline Consumer Healthcare S.p.A., presenta la quarta edizione di Chiudi il Rubinetto, il Progetto di sensibilizzazione al risparmio idrico che ha l’obbiettivo di informare sullo spreco di acqua nella vita di tutti i giorni, a partire da quella che viene utilizzata quando ci si lava i denti.

Aquafresh sa quanto l’acqua sia importante e quanto sia importante non sprecarne nemmeno una goccia; per questo ha analizzato l’impronta idrica del suo prodotto di punta, il dentifricio Tripla Protezione da 75ml prendendo in considerazione l’intera filiera produttiva e la fase di utilizzo da parte del consumatore.

Il risultato? 281 litri, di cui il 99% consumato nella fase d’uso, “quando ci si lava i denti”.

E’, infatti, proprio nel momento dell’utilizzo del dentifricio che si concentra la maggior parte dell’impatto idrico che diviene, quindi, diretta responsabilità del consumatore che spesso ha la cattiva abitudine di lasciare il rubinetto aperto.

Di qui l’importanza di chiudere il rubinetto anche in questa normale abitudine quotidiana; basta questo semplice gesto, infatti, per risparmiare ben 4 litri d’acqua ogni volta che ci si lava i denti.

Questa edizione vuole essere non solo un invito a ragionare sui piccoli gesti quotidiani che possono ridurre il proprio impatto idrico ma, soprattutto, una “chiamata all’azione” per il consumatore che diventerà il protagonista di Chiudi il Rubinetto 2013 attraverso una vera e propria “consumer generated social charity”.

(Ci voleva tanto a scrivere in italiano? Il messaggio è importante, se vuoi farti capire dalla massa, visto che siamo italiani, scrivi in italiano, no?)

Collegandosi a www.chiudilrubinetto.it, il sito internet interamente dedicato al progetto, l’utente potrà decidere di sostenere e votare uno dei tre progetti idrici di charity promossi da AMREF che si sviluppano sul territorio kenyota:

“Portiamo acqua nelle comunità del Kitui: per costruire 5 pozzi di superficie” che ha lo scopo di costruire pozzi presso villaggi della città di Kitui,  contribuendo a ridurre la distanza da percorrere per l’approvvigionamento di acqua;

 “Portiamo acqua nelle comunità del Kitui: per costruire 5 km di canalizzazioni” volto a recuperare l’acqua attraverso un pozzo di profondità e convogliarla in un serbatoio per poi distribuirla a tutta l’area interessata;

 “Portiamo acqua ai bambini di una scuola: per costruire una nuova aula, dei servizi igienici e una cisterna per l’acqua” con l’obbiettivo di dotare la scuola di Midodoni di acqua potabile, ridurre la diffusione di malattie infettive e parassitarie e migliorare le condizioni igienico-sanitarie.

Accanto alla descrizione di ogni progetto, sarà visualizzata una “tanica virtuale” in cui ogni utente potrà versare la “propria acqua” risparmiata, o che s’impegna a risparmiare, adottando abitudini ancora più ecosostenibili. Versare l’acqua in una tanica piuttosto che in un’altra, sarà il modo per  esprimere la propria preferenza nei confronti del progetto che si vuole sostenere.

A fine operazione, a fine ottobre 2013, il progetto che avrà accumulato più acqua rispetto agli altri verrà finanziato da Aquafresh.

lilt

 

Un commento su “Aquafresh presenta la 4°edizione di “Chiudi il Rubinetto”

  1. Luisa
    1 ottobre 2013

    Sembra una cavolata, ma durante le vacanze trascorse in barca ho imparato a dare molta importanza all acqua, dovendola dosare per ogni cosa, dall’igiene personale, alla pulizia, ecc…

    Ma sai, non te ne rendi conto fino a che non ti trovi in queste situazioni

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: