Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Gente che legge, gente che non ti guarda negli occhi…

Leggo in un articolo* Gabriele Romagnoli: “Sono in un vagone della metropolitana di New York, Ho di fronte cinque persone dei due sessi e di età variabile tra i 16 ed i 60, a occhio. Tutti, senza esclusione, hanno gli occhi fissi sul cellulare”.

occhi bassi

Un pensiero che ben si aggancia a quello che ho scritto tempo fa, quando mi ero “disconnesso per scelta”, per alcuni giorni:

“….molti, troppi, non riescono più a farlo. E così facendo perdono di vista il contatto umano, lo sguardo con un altro passeggero, magari la battuta con quello/a che vedi ogni giorno. Anni fa sul tram nascevano amicizie, talvolta amori.

Stiamo perdendo di vista le Persone intorno a noi, ma la vita virtuale, resta virtuale ed apre solo la porta della solitudine.”

Secondo me, non è il caso di fare gruppi di lettura semiclandestini, con donne nude che leggono libri:

“Scendi la scala e bussa alla porta di ferro. E’ l’ultima forma di carboneria: gente che si ritrova per ascoltare altra gente che legge”

Si passa da un eccesso all’altro, ma il succo del discorso resta valido, soprattutto quando leggi le percentuali dei lettori italiani e, peggio ancora, quando senti gente che si vanta di “non aver mai letto un libro”.

* l’articolo lo trovi nei File caricati sul Gruppo FB Paoblog & i suoi Bloggers

leggere bambini

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: