Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Un libro: La società a costo marginale zero

xl43-costo-140905130548_medium.jpg.pagespeed.ic.5RAbOZFAG3

Il socialismo reale è morto, e anche il capitalismo non se la passa molto bene. Verso quale futuro va l’economia globale? Jeremy Rifkin ha la risposta pronta. Secondo il saggista statunitense, infatti, si sta affermando un nuovo modello favorito da internet: il ‘Commons collaborativo’.

Un sistema che può praticamente annullare il costo marginale di numerosi beni e servizi, rendendoli quasi gratuiti e non più soggetti alle forze di mercato.

Si tratta di una vera e propria rivoluzione in corso, capace di ridurre drasticamente le disparità di reddito e democratizzare l’economia globale, dando vita a una società più sostenibile anche sotto il profilo ecologico.

Per Rifkin non è un’utopia, ma un dato di fatto che ha già degli esempi. I consumatori si trasformano in produttori, dando vita alla nuova figura dei prosumers, ognuno crea e condivide beni e servizi con gli altri su scala paritaria: informazioni, intrattenimento, energia verde e prodotti realizzati con la stampa 3D. Una specie di baratto 2.0.

Nota: Potrebbe interessarti anche Gratis. fare tutto (o quasi) senza denaro

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: