Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Carbone: stop al progetto di conversione di Porto Tolle

Un articolo che leggo su Rinnovabili.it e che per forza di cose farà arrabbiare l’amica Poppea, ma d’altro canto, molti di quelli che ora sono contro la centrale a carbone di Civitavecchia, dov’erano quando lei, come come altri, era impegnata in prima persona nella battaglia (civile) contro il progetto?

Articoli correlati QUI

carbone

E’ arrivata la prima conferma: l’Enel, con una comunicazione inviata all’indirizzo dei sindacati, ha fatto sapere che non procederà con il progetto di conversione della centrale termoelettrica di Porto Tolle.

Il progetto prevedeva un investimento di 2,5 miliardi di euro e un cantiere che sarebbe durato cinque anni per trasformare il sito da centrale a olio combustibile (spenta definitivamente nel 2009) a centrale a carbone.

Una scelta storica”, la definisce Andrea Boraschi, responsabile della campagna Energia e Clima di Greenpeace secondo cui lo stop al progetto rappresenterebbe “un passo chiaro nella direzione della progressiva riduzione delle emissioni di CO2, in linea con quanto il nuovo management ha sin qui annunciato di voler fare”.

Ora le associazioni ambientaliste, – continuano sulla stessa righe WWF e Legambiente – apprezzando la rinuncia al progetto da parte di Enel, chiedono che l’investimento destinato al carbone del passato a Porto Tolle sia reindirizzato verso le fonti rinnovabili del futuro: in tal senso, progetti di rinnovabili e di efficienza energetica nell’area dell’ex centrale sarebbero perfettamente in grado di riassorbire i lavoratori della ex centrale a olio combustibile e di assicurare nuova occupazione”.

Ora si attende l’annuncio ufficiale della stessa società.

“In tutto il mondo, non solo gli ambientalisti, ma anche Governi, agenzie internazionali, investitori stanno cercando di porre termine rapidamente all’uso del carbone, e anche i Paesi in via di rapido sviluppo come la Cina e l’India stanno diminuendo l’uso di questo combustibile ancora ampiamente disponibile, ma esiziale per clima, salute e ambiente.

Legambiente e WWF si augurano che alla rinuncia di Enel segua la rinuncia a tutti i nuovi progetti di centrali a carbone in Italia e che si comincino a chiudere le centrali a carbone esistenti, vista oltretutto la overcapacity in Italia – la capacità di produrre energia elettrica è più del doppio del picco massimo di domanda mai raggiunto – e con la diminuzione della domanda, ormai le centrali, anche le più efficienti, lavorano a scartamento ridotto”. 

Un commento su “Carbone: stop al progetto di conversione di Porto Tolle

  1. Poppea
    29 settembre 2014

    Sono contenta per loro; ovvio che sono incazzata con i civitavecchiesi, comunque i grillini a Civitavecchia hanno deciso di non prendere soldi dall’Enel e che controlleranno che le emissioni siano sotto la soglia, hanno vinto il ricorso contro l’inquinamento delle navi ……………..speriamo bene

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 29 settembre 2014 da in Ambiente & Ecologia, Leggo & Pubblico, Persone & Società con tag , , , , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: