Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Se la scritta “senza Bisfenolo A” garantisce ben poco…

in sintesi un articolo che leggo su Il Fatto Alimentare del quale raccomando la lettura integrale (clicca sul link) in quanto niente è peggio che acquistare dei prodotti convinti che la presenza di un marchio ci garantisca, in questo caso da un rischio di tossicità, salvo poi scoprire che le tutele sono quasi nulle…

Sul Blog puoi trovare altri articoli sul Bisfenolo A > Clicca qui per leggerli

16-BPAFree-300x300

La scritta sulle etichette “BPA-free”, cioè privo di bisfenolo, rappresenta davvero una garanzia di sicurezza?

Ma quando un prodotto così etichettato si può considerare realmente sicuro?

Secondo i ricercatori del centro chiamato The Endocrine Disruption Exchange (TEDX) di Paonia, in Colorado, mai, o quasi mai.

Perché le funzioni svolte dal BPA sono insostituibili e le sostanze impiegate per rimpiazzarlo sono di fatto quasi identiche e quindi hanno o potrebbero avere gli stessi effetti sulla salute umana.

 

 

4 commenti su “Se la scritta “senza Bisfenolo A” garantisce ben poco…

  1. andrea
    1 aprile 2015

    sapevo che è opportuno evitare i contenitori di plastica per bere/mangiare prodotti caldi.
    – L’affermazione che gli scontrini fiscali stampati su carta termica sono pericolosi per la salute mi lascia un po…perplesso

    • paoblog
      2 aprile 2015

      ritengo che si tratti sempre di una questione legata a quanti scontrini maneggi…

      ipotizzando che abbiano una seppur minima tossicità, penso ad una cassiera del super che maneggia scontrini 8 ore al giorno…

      in ogni caso ho girato la domanda al Fatto ALimentare … nel caso posto la risposta.

  2. andrea
    2 aprile 2015

    bene, non vorrei che fosse un…assist a favore degli evasori fiscali (niente scontrini, niente Bisfenolo…)

    • paoblog
      2 aprile 2015

      ahò, sei persino più malfidente di me… 😀

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: