Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Parmigiano Reggiano, un nuovo sistema antifrode

lente alimentiIl nucleo Agroalimentare del Corpo forestale ha messo a punto un metodo d’analisi che utilizza particolari marcatori biochimici che consentono di verificare, analizzando il formaggio finito (è questa una delle novità), anche a pezzi o grattugiato, l’eventuale presenza di insilati nell’alimentazione delle bovine da latte.

La nuova metodologia introduce un ulteriore tassello nella tutela dei formaggi a Denominazione d’origine protetta.

E proprio nell’ambito della tutela del Parmigiano Reggiano Dop, il Corpo forestale dello Stato, d’intesa con il dipartimento di Scienze degli alimenti dell’Università di Parma, ha effettuato una campagna straordinaria di controllo nazionale per verificare il rispetto del divieto di utilizzo di insilati a tutela dell’intera filiera del Parmigiano Reggiano.

“Uno strumento di analisi – aggiungono dal Corpo Forestale – valido per la rilevazione di eventuali frodi in campo nazionale e internazionale, anche nel caso di un prodotto sottoposto a lavorazioni particolari (ad esempio quello grattugiato), in grado di vanificare la marcatura della denominazione e che potrebbe essere ottenuto anche utilizzando formaggi a grana dura di ignota provenienza e natura”.

Fonte: Parmigiano Reggiano, un nuovo sistema antifrode — Consumatori — E-R Il portale della Regione Emilia-Romagna

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 22 giugno 2016 da in Alimentazione, Cucina & Ristoranti, Consumatori & Utenti, Leggo & Pubblico con tag , , , , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: